"Festa della donna a Roma 2010: pranzo, cena e aperitivo a prezzo fisso"

Torta Mimosa_flickr_Rubber Slippers In Italy

Poiché quest’anno la “Festa della donna” arriva nel peggior giorno lavorativo della settimana, l’imprevedibile e spesso pessimo lunedì, come promesso torno a parlare del prossimo 8 marzo per suggerire qualche posticino dove mangiare senza dover affrontare spese folli.

Da sole, con le amiche, con l’amato bene o chi preferite, sono tanti i locali di Roma pronti ad accogliere le signore a braccia aperte con menù gialli mimosa dall’antipasto al dolce, a prezzo fisso o comunque agevolato, a pranzo, a cena o solo per un aperitivo.

Oltre al gratin di pasta mimosa e affini, a 25€ il New Egon in zona Ostinse offre anche live music, karaoke, strip show e disco, mentre con 20€ la Salsamenteria Verdiana propone degustazione di salumi, con primo e dolce accompagnati da uno spettacolo con pianoforte e duetti di soprani.

Il wine bar Cru. Dop nel quartiere Tuscolano scende a 18.00€, proponendo rose al salmone essiccato al sale e zucchine con frutta della passione, spaghetti di zucchine su mousse di caprino, pere, pomodori secchi e carpaccio di tonno e, per finire, millefoglie di ricotta di bufala, cioccolato fondente, uva passa e rhum, bevande escluse. Gnam...

Con soli 10€ il ristorante e wine bar Tabata all’Eur, propone un happy hour dalle 19:30, a base di prosecco, cocktail alcolico e analcolico, accompagnato da tagliere di salumi, crostini alla crema di salmone norvegese, salsa tonnata e caviale rosso, bignè ripieni di crema di formaggio in salsa di funghi porcini. Ovviamente è richiesta la prenotazione (e-mail: info@tabata-eur.it - tel.: (+39) 06 89087747 (+39) 06 89087746).

Allontanandosi un po’ in direzione dei castelli romani, potreste approfittare di uno dei tanti menù fissi o alla carta contemplati dal ristorante con cucina tipica romana l’Antica Frascati, oppure informarvi presso il vostro locale preferito, tra quelli che non rimangono chiusi di lunedì (tantissimi).

Le signore sensibili alla condizione di tante donne africane, potrebbero anche scegliere la cena africana (con alternativa vegetariana) organizzata per raccogliere fondi per le donne di Weré, accompagnata da una mostra fotografica e di prodotti tipici del Mali.

La panoramica è varia ma non certo rappresentativa, e comunque la scelta sta a voi, anche se mi auguro che vorrete condividere le vostre ‘dritte’ con tutte noi.

Foto: Flickr

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: