Nel Lazio diminuiscono i reati compiuti da immigrati

immigrati

Buone notizie riguardo la sicurezza nella nostra regione e in provincia di Roma arrivano oggi dal rapporto Cei sulla criminalità degli stranieri. I dati sono riferiti al 2008, è vero, ma si spera la tendenza sia quella: i reati imputabili ad immigrati risulta diminuita nel Lazio e in particolare in provincia di Roma.

Nel dettaglio, stiamo parlando di un decremento del 7,6 per cento a livello regionale e addirittura del doppio (15 per cento) per quanto riguarda la provincia di Roma. D'altronde qualche tempo fa i dati confermavano un calo generale dei reati, a Roma, del 12 per cento (nonostante la perplessità di molti).

Questo nonostante la presenza straniera sul nostro suolo sia aumentata (+15 per cento di residenti) come spiegava ieri anche il rapporto demografico Istat.
I dati, elaborati in base al rapporto del ministero dell'Interno e Dipartimento pubblica sicurezza, e pubblicati nell'Osservatorio Romano sulle Migrazioni, dimostrano che "non esiste alcuna relazione tra immigrazione e criminalita' ed e' impropria e falsa ogni criminalizzazione pregiudiziale degli immigrati", sostiene la Cei.

Sarebbe invece, secondo la conferenza dei vescovi, "l'esclusione sociale, la ghettizzazione degli immigrati, la mancanza di un piano integrazione provocano scontri tra etnie, oltre che una crescente conflittualita'".

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: