De Andrè a Roma: musica e parole per i Murales della Magliana

Piazza De andrè_Le acciughe fanno il pallone

Ogni romano sa quanto ci sia bisogno di un po’ di colore e d’atmosfera per ravvivare il grigio del cemento di periferia, neutro, impersonale, deprimente, e chi abita tra i palazzoni della Magliana non fa eccezione. Anzi.

Fortuna vuole che la piazza dedicata allo scomparso Fabrizio De Andrè dal municipio XV, ora benefici anche di decorazioni ispirate dai suoni e dalle parole delle sue fantastiche ballate.

Fortuna per chi si ferma nella piazza incastonata tra i palazzi, e può lasciar vagare lo sguardo e l’immaginazione sui murales realizzati dai cinque giovani romani vincitori del concorso GrafitArte De André.

I Murales di Piazza De Andrè
1_Il sognatore Jones_1 2_Il sognatore Jones_2 3_Il sognatore Jones_3 4_bocca di rosa_1

Alessandra Carloni, Stefania Eucalipti, Maria Chiara Orsini, Francesco D’Alessandro, Alessandro Morino hanno dato coperto il grigio di colore e trovato ed immagini per le parole del grande Faber.

5_bocca di rosa_2 6_Geordi rubò sei cervi nel parco del re_1 7_Geordi rubò sei cervi nel parco del re_2 8_Le acciughe fanno il pallone_2

Dalle vibranti visioni de Il suonatore Jones ai prati ed i cieli di baci di Bocca di Rosa, dai cervi nel parco del Re di Geordie al mare dove Le acciughe fanno il pallone, dai quartieri e gli abitanti de La città vecchia alle tante storie di Volta la carta.

9_Le acciughe fanno il pallone_3 10_la città vecchia_1 11_la città vecchia_2 12_la città vecchia_3

Sembra però che per mancanza di fondi comunali all’appello manchi ancora un muro, che dovrebbe ricordare La guerra di Piero, e chissà forse rischia di slittare anche il proposito di ripetere l’esperienza alla stazione di Villa Bonelli.

13_volta la carta_1 14_volta la carta_2 15_volta la carta_3 16_volta la carta_4

In ogni caso con questo tributo che si staglia sotto il cielo di Roma, e la grande mostra in arrivo al Museo dell’Ara Pacis, Roma offre una bella esperienza “immersiva” nella musica, le parole e la poesia di Fabrizio De Andrè.

  • shares
  • Mail