La Città dello sport di Calatrava a Tor Vergata pronta per il 2013 - Almeno si spera...


Finalmente una data: il 2013. Dopo anni passati a navigare a vista, nonostante i lavori proseguano lentamente tutt'ora, si torna a fissare un cronoprogramma per la Città dello sport di Tor Vergata, ovvero per i palazzetti progettati dall'architetto spagnolo Santiago Calatrava.

A dare qualche notizia sulla data entro la quale i gusci dell'archistar spagnola saranno completati, il 2013 per l'appunto, è stato il sindaco di Roma, Gianni Alemanno, intervenuto in compagnia dello stesso Calatrava in Campidoglio. "Abbiamo confermato la nostra volontà di inserire l'impianto di Tor Vergata nel futuro progetto olimpico- ha detto il sindaco - Pensiamo, comunque, di portare a termine i palazzi di Calatrava prima, per poterli usare in vista della nostra candidatura agli Europei di basket del 2013".

Il problema è che per poter concludere l'opera mancano ancora "300-400" milioni di euro che il Comune vorrebbe chiedere, almeno parzialmente, al Governo, magari attraverso fondi speciali. "L'opera ereditata - ha aggiunto Alemanno - era infatti finanziata solo per un terzo". Tutte le risorse che si riusciranno a reperire, però, saranno destinate alle "conchiglie" destinate ad ospitare i palazzetti dello sport e poco più. Più problematico sembra, invece, il destino per le strutture annesse, a partire dal nuovo rettorato dell'università Roma Due.

"Per ora siamo ad un terzo dei lavori - ha spiegato Calatrava parlando del progetto nel suo complesso - Parliamo chiaramente solo delle due conchiglie visto che l'idea originale era quella di creare anche un campus. Il palazzetti saranno il nodo per la ristrutturazione del quartiere" che, secondo Alemanno- "deve essere rivista nell'ottica della candidatura olimpica. Un discorso che sarà ripreso nella conferenza urbanistica di aprile".

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: