Auto "verdi" del Comune: un eco paradosso che tira fuori l’Hulk che è in ognuno di noi

Flowercar at Krusmyntagården_flickr_Per Ola Wiberg (Powi)

Se vi dicessi che per risparmiare e inquinare meno, ho ‘investito’ i miei esigui guadagni in un mezzo ibrido che va a Gpl e benzina, ma continuo ad andare a benzina … mi prendereste per folle?

Probabile, ma a quanto pare è quello che succede a circa la metà dei veicoli “verdi” del parco macchine del Campidoglio, che possono rifornirsi solo al distributore Gpl sulla Roma Fiumicino, con il quale il comune ha una convenzione di esclusività. In parole povere non può rifornirsi altrove.

Un ‘viaggio’ anche di notte quando non c’è traffico, che vanifica i propositi di risparmio economico ed ecologico, senza parlare dei contribuenti, ‘verdi’ ma di rabbia, perché fanno salti mortali per risparmiare, non inquinare, e ‘finanziare’ imprese del genere.

"Chiunque può arrabbiarsi: questo è facile; ma arrabbiarsi con la persona giusta, e nel grado giusto, ed al momento giusto, e per lo scopo giusto, e nel modo giusto: questo non è nelle possibilità di chiunque e non è facile" (Aristotele)

Meglio ridere o dare soddisfazione all'Hulk che è in ognuno di noi?

Foto: Flickr

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: