Stazione Termini. Dove iniziano i sogni (prima parte)



Timidamente (lo sapete che la fotografia non è la mia specialità) vi propongo questo piccolo fotoreportage della stazione Termini. Siate docili nei giudizi, quindi.

Proprio qui sopra, ecco i portantini, figure imprescindibili, anche se non tutti le notano. Il loro core business è finito con l'inizio dell'epoca dei viaggi veloci, dei trolley motorizzati, più meno con la caduta degli Zar insomma.

Nel seguito un po' di altri spaccati della stazione più stazione d'Italia..


Il tabellone con gli orari. Lui no. Lui non morirà mai, ne' Internet, ne' i megatabellari automatizzati sostituiranno mai il papirone giallo e quello bianco, andata e ritorno, in ogni suo dettaglio e iconografia. L'essenza del viaggio. I sogni e le apprensioni del genere umano sono tutti lì, fra stazioni di cambio e iconcine.


Turiste. Qualche dubbio a riguardo? Appariscenti, cariche di valigie, sperdute. La preda più polposa per la piccola criminalità che si moltiplica in ogni angolo, con ogni scusa. Per commettere un crimine contro queste creature indifese è necessaria solo una cosa, mettersi in fila.

A presto con la seconda puntanta.

  • shares
  • Mail
6 commenti Aggiorna
Ordina: