Contraffazione: a Roma va di moda il falso Gucci


Abbiamo parlato dell’avvio nei 19 Municipi romani della campagna ‘Io non voglio il falso’, per combattere nel territorio il fenomeno della contraffazione e veniamo a scoprire che nella Capitale l’accessorio, rigorosamente falso, più trendy in questo appena iniziato 2010 è la scarpa Gucci. Nel 2009, per la cronaca, a fare la parte del leone erano state le borse, ovviamente false.

Acquirenti sprovveduti? Clienti che cercano di placare a buon mercato il proprio bisogno di esibire status symbol? Chissà, fatto sta che dall’inizio dell’anno in città sono già state sequestrate 30mila paia di scarpe in cuoio o vera pelle, ma con il fintissimo marchio della storica casa di moda fiorentina.

Mercati all’aperto della contraffazione, secondo i dati della Guardia di Finanza, sono il centro storico, il quartiere Esquilino, via Cola di Rienzo e viale Marconi. Il giro d’affari complessivo (perché non si falsificano solo capi d’abbigliamento, ma anche prodotti della Walt Disney e i cubi di Rubik) si aggira sui 7 miliardi di fatturato in Italia, il 15% del mercato totale.

Ma attenzione: sono in arrivo anche le multe, e piuttosto salate. Dai 100 ai 7000 euro per chi acquista un prodotto contraffatto. Lo scorso anno a incorrere in sanzioni erano i venditori: 500 le persone fermate, 1750 le persone denunciate, 15 milioni gli oggetti falsi sequestrati.

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail