Mobilità: proposta nuova stazione a Massimina

Quanto di voi abitano nel quadrante ovest della città potranno confermarlo: la situazione di traffico lungo la consolare Aurelia è diventata ormai insostenibile e l’alternativa mezzi pubblici, autobus o treno che siano, non è praticabile. Molti cittadini, organizzati in comitati o meno, si sono rivolti alla Regione, tanto che è stata avanzata la proposta di costruire una nuova stazione lungo la Roma-Civitavecchia all’altezza del Gra, più o meno a Massimina, con un grande parcheggio di scambio.

Questo permetterebbe di dirottare qui alcuni veicoli che attualmente ingolfano la stazione Aurelia e di servire meglio i quartieri Massimina, Casal Lombroso, La Monachina e Castel di Guido. Da qui, con un treno ogni quarto d'ora, si può raggiungere in 5 minuti San Pietro, in 15 Ostiense-Piramide, in 20 Tuscolana, ma in generale dalla stazione Aurelia si possono raggiungere gli scali di: Termini, Ladispoli, Civitavecchia. In alternativa, si potrebbe acquisire un terreno individuato a poche centinaia di metri dalla stazione Aurelia e creare lì, collegandolo allo scalo, un grande parcheggio di scambio.

Nell’attesa che venga presa una decisione in merito, l’assessore capitolino alla Mobilità, Sergio Marchi, ieri ha fatto sapere che il piano strategico per la città sta procedendo senza intoppi: è stato appena varato il piano pullman, entro la primavera sarà indetta la gara per il potenziamento del car sharing, prima dell'estate sarà presentato il nuovo piano merci e a ottobre arriveranno 150 colonnine per la ricarica dei veicoli elettrici. Quanto ai lavori per le metropolitane B e C siamo addirittura in anticipo sulla tabella di marcia.

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail