Tor Cervara: il caffé a due Euro per i Rom

caffé rom due euroListino prezzi 'differenziato' in un bar di Tor Cervara. Non si tratta di sconti per chi sceglie la formula "cappuccino e cornetto", piuttosto di un di sovrapprezzo sulla base dell'appartenenza a un diverso gruppo culturale. L'incresciosa vicenda accade ogni giorno in un luogo poco distante dall'ufficio immigrazione della questura di Roma e dal campo nomadi della Martora.

Fino al 3 febbraio, un caffè per i Rom costava la 'modica' cifra di un euro e cinquanta. Poi il rincaro di ieri: due euro. La ragazza dietro il bancone -di nazionalità rumena, ma non Rom- pare sia inflessibile: incassa i settantacinque centesimi 'regolamentari' da tutti gli avventori. Ai suoi connazionali di diversa etnia chiede invece, senza battere ciglio, una cifra quasi tre volte superiore.

Il motivo è semplice nel suo essere spietato: sembra infatti che proprio agli stessi nomadi della zona sia stato detto che il prezzo serve per convincerli a cambiare bar. Il fatto è stato reso noto con ripetute segnalazioni alla vicina cooperativa che svolge servizi per la mediazione culturale e alle Forze dell'Ordine. L'intervento, a detta delle autorità, non è stato possibile perché che ogni esercente può imporre i prezzi che vuole. Cosa ne pensate? Orrenda discriminazione o inevitabile tutela del bar? Ditecelo nei commenti.

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail
10 commenti Aggiorna
Ordina: