Sabato mattina nuovo blitz di defissioni di manifesti - Partecipate in massa, anche Alemanno plaude


Qualche giorno fa vi avevamo parlato dei blitz di defissione dei tanti manifesti elettorali abusivi a Roma, organizzato in particolare da due blogger romani, RiprendiamociRoma e DegradoEsquilino, e da decine di cittadini esasperati.

L'idea si è poi trasformata in passeggiate antidegrado durante le quali "gli stacchini", come sono stati già ridefiniti, hanno attaccato sui manifesti dei candidati affissi illegalmente contromanifestini con la scritta: "Chi scarta va scartato-Non votare chi sporca Roma". Le iniziative sono piaciute ed i consensi intorno ai blitz stanno aumentando.

Così sabato mattina si replica con le defissioni. Ed ora c'è bisogno di te. L'appuntamento è doppio: sabato mattina alle 9:30 a via Nazionale o alle 10 sotto i portici di piazza Vittorio. Niente paura: come già detto non c'è nulla di illegale ed il sindaco Alemanno, prima di chiarire che dal 15 febbraio partiranno allo stesso scopo 24 quadre da tre uomini l'una di defissori Ama, ieri ha applaudito alle defissioni spontanee con queste parole: "E' un esempio splendido. Mi auguro che simili iniziative si moltiplichino in tutta la citta'". Cliccando su continua le dichiarazioni di Alemanno e l'intero testo della "chiamata alle armi" del blogger RiprendiamociRoma.

"Bisogna fare in modo - ha spiegato Alemanno rispondendo a a chi chiedeva un commento sulle iniziative di defissione dei manifesti elettorali abusivi - che i cittadini si abituino a pensare che la strada dove abitano sia loro e non qualcosa di estraneo e che appartiene a qualcun'altro. Noi, nei prossimi giorni, lanceremo campagne di volontariato per la pulizia della citta': ben vengano tutte le forme di pulizia spontanea. Solo solidale ed appoggio le azioni dei cittadini che stanno spontaneamente staccando per la defissione dei manifesti. Si tratta di un esempio splendido da seguire tutti quanti. Tutte queste iniziative saranno sollecitate ed aiutate da noi".

"Dal 15 febbraio - ha poi continuato il sindaco - 24 squadre dell'Ama formate da tre persone lavoreranno tutti i giorni per la defissione dei cartelloni elettorali attaccati in modo abusivo fino a dopo il voto. In più ho intenzione di chiedere al Prefetto un incontro tra i candidati per siglare un patto sui manifesti elettorali affissi in modo abusivo: una sorta di disarmo bilanciato perché spesso le affissioni finiscono per elidersi l'una con l'altra senza ottenere scopo. Una nuova regolamentazione comporterebbe una minore spesa e più pulizia per la città".

Questo il testo della chiamata alle armi in vista del nuovo blitz di defissione.

Dopo il successo del primo appuntamento del 16 Gennaio scorso, in cui è stato ripulito il portico di Piazza Vittorio lato Via Merulana, Sabato 6 Febbraio dalle ore 10 sotto i portici di piazza Vittorio - lato Termini altezza farmacia civico 46 - si danno di nuovo appuntamento l’Associazione “Il Cielo sopra L’Esquilino”, la newsletter online “Esquilinotizie”, Cittadinanzattiva centro storico, la Sezione Anpi Esquilino-Monti-Celio “don Pappagallo”, l’associazione “Integrarte” e il Circolo PD Esquilino per dire no alle affissioni selvagge nel rione e concretamente rimuovere, insieme ai cittadini, le affissioni abusive.

Proprio oggi, in pieno giorno, sono state nuovamente “imbrattate” le colonne che i cittadini avevano liberato con la precedente tornata di pulizia (in allegato una foto a testimonianza), la stessa cosa avviene quotidianamente in Via Merulana, in Via Manzoni ed in altri luoghi del rione. L’indifferenza con la quale l’Amministrazione Comunale affronta questo problema va di pari passo con l’indifferenza con la quale viene trattato il problema della pulizia del rione, che ha raggiunto livelli inaccettabili.

Ripulendo i portici dalle affissioni abusive vogliamo contribuire con un gesto simbolico ma concreto alla valorizzazione del nostro rione e pretendiamo dal Comune che si facciano rispettare le regole per le affissioni e, allo stesso tempo, che sia affrontato seriamente il problema della pulizia delle strade, dei marciapiedi, di Piazza Vittorio Emanuele e delle altre piazze.

Crediamo che per favorire la comunicazione tra la cittadinanza, le associazioni del rione, le comunità di immigrati sia possibile immaginare spazi legali predisposti per l’affissione, al pari di quanto già avviene in occasione delle campagne elettorali.
Invitiamo pertanto i candidati di tutti partiti - in occasione della campagna elettorale delle regionali 2010 - ad utilizzare solo gli spazi autorizzati per le affissioni, evitando così di deturpare la nostra città.

Sabato 6, muniti di “raschietto” per la seconda volta, aiuteremo il nostro rione a cominciare a liberarsi delle affissioni abusive.

  • shares
  • Mail
6 commenti Aggiorna
Ordina: