Il nido dell'Aquila: il grande freddo


Qualche tifoso biancoceleste, rivedendo Alberto Zaccheroni, noto a Roma per la più clamorosa sconfitta nei derby degli ultimi anni, avrà rivisto i fantasmi del passato. Stavolta Zac sedeva su una panchina diversa, quella della Juve, chiamato a sollevare le sciagurate sorti bianconere.

Gli andrà meglio alla prossima, perché la Lazio è tornata da Torino con un punticino prezioso per, duole dirlo, la lotta per non retrocedere. Non che la squadra abbia fatto progressi, anzi. Però tutti davano i ragazzi di Ballardini per spacciati. E invece santo Muslera ha salvato capra e cavoli, arrendendosi solo al fischietto e agli occhi dell'arbitro Saccani.

Incassato il pareggio, le noie grosse arrivano dal mercato di gennaio. Ledesma pare rimanga, perché Lotito pare non soddisfatto delle offerte ricevute. Bene, così l'argentino se ne andrà poi gratis.

  • shares
  • Mail