La RBS 6 Nazioni 2010 Italia v Scozia: in campo con La City of Rome Pipe Band

City of Rome Pipe Band_rugby_g_1

Dopo la sconfitta con l’Inghilterra, chi ha recuperato i biglietti per la partita del terzo turno dell'RBS 6 Nations, freme in attesa dell’incontro tra gli highlanders e i nostri ragazzoni azzurri.

Sabato 27 febbraio 2010, a scendere in campo allo Stadio Flaminio di Roma, insieme alla Nazionale Italiana di Rugby che sfiderà quella scozzese, saranno però anche i ragazzi in Kilt della City of Rome Pipe Band, che eseguiranno l'inno scozzese per l’incontro di rugby Italia Scozia per la quinta volta, e il giorno dopo saranno allo stadio di Colleferro per suonare al campionato femminile.

Dopo aver scoperto che uno dei componenti della banda di cornamuse e tamburi scozzesi di Roma è lo chef Paolo Dalicandro, preparatore di manicaretti e suonatore di cornamusa, la curiosità ci a spinti ad approfondire la conoscenza di questo singolare gruppo, che contribuisce a diffondere la cultura del cardo senza rinunciare alla propria italianità e romanità.

City of Rome Pipe Band

In occasione della partecipazione ai “Worlds” del 2005 la banda ha anche adottato un proprio tartan, il “City of Rome”, disegnato, realizzato ed iscritto alla società internazionale dei tartan dai componenti stessi della banda in kilt, coadiuvati dal signor Ken Clark.

E visto che Paolo ha accettato di rispondere a qualche domanda…

Paolo com’è nata la passione per uno strumento particolare come la cornamusa e quanto influisce nella tua quotidianità? Nel mio caso dico sempre che è stata "Lei" a scegliere me e non il contrario, poi in banda ci sarebbe da raccontare una storia per ognuno di noi.

Come si dice “Siamo tutto orecchi” Chi sono mi chiedi? beh? Un briciolo di pazzia gliela riconosco. Siamo un gruppo formato da ogni genere di persona, da 18 anni a 60 anni, scozzesi, americani, marchigiani, romani e molto altro, dal dentista allo studente, dal musicista all'analista finanziario, dal personal chef al giornalista per citarne solo alcune ... I loro nomi? Max,Tony, Paolo,Francesco, Francesco, Paul, Mauro, Matteo, Giovanni, Danilo, Alessia, Alberto, Pino, Roberto, Paolo, Paul ... si si, non mi sono sbagliato di Paolo e Paul ne abbiamo in abbondanza.

Quale altra passione, oltre alla musica e alla Scozia vi accomuna? E vi sembrano poche queste due cose?

Scusa ma questa domanda è tanto scontata quanto inevitabile. Tiferete per la Scozia o per l’Italia? Bella domanda, ovviamente tiferemo per l'Italia ... a parte gli scozzesi che sono in banda :)

Sabato saremo certamente in tanti a sperare in una vittoria dell’Italia, compreso qualche romano in kilt. Ricordatelo quando in campo vedrete entrare la banda di cornamuse e tamburi scozzesi, con la quale tra le altre cose per l’occasione suonerà anche Cesare Bocci (il Mimì Augello di Montalbano per intenderci ;).

  • shares
  • Mail