Nella Giornata della Memoria, scritte sui muri contro il Capo della Comunità ebraica di Roma


Uno dei peggiori modi con cui Roma poteva cominciare la Giornata Mondiale dedicata alla Memoria dell'Olocausto è una bella scritta muraria, di freschissima realizzazione (con tutta probabilità, fatta proprio questa notte), proprio ai danni del Capo della Comunità Ebraica di Roma, Riccardo Pacifici.

L'iscrizione è apparsa in via Cavour e porta la firma di "Militia". Non è l'unica di oggi: anche in via Tasso, e proprio su un muro del Museo della Liberazione, mani vandaliche avevano graffiato il passato e la storia:


"Pacifici porco giudeo"


"Olocausto: propaganga sionista"

Anche gesti come questo - possiamo rincuorarci solo così - aiutano a ricordare la varietà di bassezze cui si può spingere l'animo umano.

foto | flickr

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: