Olimpiadi 2020 a Roma. Il Consiglio Comunale approva la candidatura all’unanimità

Olympic_flag_wikipedia

La saga delle Olimpiadi 2020 continua, ma contro ogni previsione la candidatura di Roma è stata approvata ‘all'unanimità’ nel corso della seduta straordinaria del Consiglio Comunale, con tanto di stretta di mano tra Gianni Slemanno e Francesco Rutelli.

A fine a febbraio sarà pronto il dossier completo da inviare al Coni per la scelta definitiva tra Roma e Venezia, e le indicazioni sui progetti essenziali che puntano al risanamento e riqualificazione della città, agli investimenti in infrastrutture, alla sostenibilità ambientale e al coinvolgimento di tutta la città alla pratica sportiva.

Per la città i giochi Olimpici rappresentano una grande risorsa, non solo economica, di conseguenza l'Amministrazione, in accordo con il Governo e la Regione, presenterà un piano di interventi dettagliato sulle opere pubbliche necessarie ad ospitare l'evento.

Opere come il risanamento del fiume, il completamento della Città dello Sport, la valorizzazione di impianti storici come l'Acqua Acetosa, il Foro Italico e lo Stadio Flaminio, ma anche il coinvolgimento della città de L'Aquila per alcuni eventi decentrati dei Giochi, come le partite di calcio.


Per il sindaco, se le Olimpiadi del 1960 rappresentarono per la capitale "il passaggio dalla fine della guerra al boom economico", quelle del 2020 possono rappresentare il passaggio "da una situazione di crisi ad un salto di livello per lo sviluppo di tutto il Paese".

Unanimità o meno, non sono tardate le prime polemiche del Codacons, che non ritenendo Roma in grado di ospitare una manifestazione di tale portata, impugnerà al Tar del Lazio la mozione approvata dal Comune di Roma. Chi la spunterà? La saga continua …

Foto: Wikipedia

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: