Emergenza casa a Roma: scendono in campo i Municipi


La questione degli sfratti esecutivi, la maggior parte dei quali per morosità e con l’intervento della forza pubblica, a Roma è una realtà quotidiana. E il problema fondamentale è che non ci sono alternative: mancano alloggi per tutti e l’edilizia popolare non cresce di pari passo con l’emergenza.

Per questo sei minisindaci, Susanna Fantino (IX), Sandro Medici (X), Andrea Catarci (XI), Gianluca Palmieri (VI), Dario Marcucci (III), Ivano Caradonna (V) più l'assessore alle Politiche sociali Guido Capraro (III) hanno scritto una lettera al sindaco Alemanno e al prefetto Pecoraro per chiedere un’intercessione presso il governo affinché conceda la proroga degli sfratti, il cui termine è scaduto il 31 dicembre scorso.

A Roma ogni giorno vengono eseguiti 20 sfratti e i Municipi non hanno alcuno strumento per fronteggiare un’urgenza sociale di tali proporzioni. Per questo hanno deciso di bussare ai piani alti chiedendo un intervento strutturale di politica abitativa seria che consista in una riforma della legge sugli affitti e in significativi interventi di edilizia pubblica. Staremo a vedere.

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail