Turisti a Roma: il quartiere Ostiense (terza parte)

portofluvialeostiense

Una delle caratteristiche comuni alla maggior parte di quartieri come Ostiense è la capacità di lasciar convivere elementi storici che resistono al tempo con una serie di proposte che invece avvicinano le tradizioni romane alla modernità. Non c'è da stupirsi troppo quindi, se in questa zona sono concentrati alcuni dei locali più noti per chi cerca il divertimento nella Capitale.

'Schierati' ai due lati di via Ostiense, club più piccoli sono raggruppati attorno a due poli dalle dimensioni decisamente più ampie. Uno è l'Alpheus in via del Commercio al civico 36. Un locale di 3000mq che vengono di volta in volta separati o resi comunicanti tra loro per una capienza complessiva di ben 2500 persone. Musica dal vivo, party, serate a tema, presentazioni e feste private. E' una delle sedi prescelte dalla famosissima emittente Radio Rock e di alcune delle notti gay più in voga a Roma.

L'altro 'polo' è il Classico Village, in via di Libetta 3. Un cortile circondato da tre sale che ospitano concerti, selezioni musicali dei migliori dj e un loft dove riposarsi dagli eccessi della movida notturna. Anni fa, dopo la resa delle istituzioni, nacque un terzo spazio per organizzare serate e eventi. Era l'Air Terminal: struttura imponente e dal singolare fascino 'futuristico' che sarebbe servita -nelle intenzioni almeno- per collegare la città all'aeroporto di Fiumicino attraverso le ferrovie.

CentraleMontemartini

Il progetto fu realizzato, avviato e presto abbandonato, lasciando la zona nel degrado più assoluto. Per un breve periodo successivo, lo spazio venne utilizzato per alcuni party ed eventi di grande affluenza, poi (per presunti motivi di sicurezza) tornò ad essere un luogo fatiscente, vittima di vandalismo e utilizzi impropri. Sembra confermata la notizia che l'ente delle Ferrovie dello Stato, proprietario della struttura, lo abbia recentemente venduto a chi ne farà l'ennesimo centro commerciale. Rimane disponibile il parcheggio circostante, comodo per chi vuole evitare lo stress di accedere alla zona.

Torniamo ai locali. Dal lato di via di Libetta, troviamo innanzitutto il Goa. Oltre dieci anni di successi per uno dei club più curati e 'in' della Capitale. Tutti i migliori dj del mondo hanno fatto tappa qui, almeno una volta. L'ambiente non è propriamente informale, ma la selezione musicale è una delle migliori a Roma. Poco più in là, il Rashomon.

Altro club destinato prevalentemente alla musica da ballare, con selezioni e featuring dei dj più famosi, propone anche live set ricercati e meno vincolati dalle classifiche di vendita. Ambiente decisamente meno formale del Goa, prezzi altrettanto abbordabili. E' poco distante (ci arrivate a piedi) in via degli Argonauti. Sempre per gli amanti delle sonorità da dancefloor, La Saponeria -siamo ancora su via degli Argonauti- è un locale nato nella struttura di una ex fabbrica di saponi (come suggerisce il nome). Locale ampio e davvero molto curato, proposta musicale di alto livello, spesso sede di presentazioni e iniziative legate al mondo delle arti contemporanee.

Torniamo al lato di Ostiense 'sorvegliato' dall'Alpheus. Qui c'è via dei Magazzini Generali che offre uno dei luoghi principali per le esibizioni live. Il Sinister Noise, fratello minore degli indie club più blasonati di Roma, ha poco da invidiare però in termini di programma. Spazi ridotti -ma distribuiti su due piani, è uno dei posti dove cercare le nuove sonorità rock-alternative della città e quelle che arrivano dall'estero. Prezzi sotto la media, ambiente rilassato, esposizioni e dj set prevalentemente da ascolto. Davanti, una delle cornetterie più famose della Capitale. Dolce Notte. Recentemente ha aggiunto non pochi sfizi anche per gli amanti del salato. Gestori gentilissimi e prezzi molto onesti.

Sempre nei paraggi vi segnaliamo il Nazca, ottimo e elegante ristorante-cocktail bar con bartender davvero all'altezza della situazione e il Doppiozero: panificio, pizzeria al taglio, ristorante a buffet e vineria per l'aperitivo. Lo trovate al civico 68 di via Ostiense.

Il nostro giro per il quartiere si conclude qui, con uno spazio ancora da riservare ai luoghi di interesse storico. Il Museo della via Ostiense, la Centrale Elettrica Montemartini (vero e proprio 'monumento' al fascino delle macchine dove trovate disseminate ben 400 statue romane, in un affascinante contrasto) e, infine, la Basilica di San Paolo fuori le mura: spettacolare luogo della cristianità, secondo per dimensioni solo a quella di San Pietro.

Quartiere Ostiense: come arrivare.
Metro: linea B dalle stazioni Piramide, Garbatella, Basilica San Paolo e Marconi.
FR1: stazione di Roma Ostiense
Autobus: linee 60 express - 95 - 121 - 175 - 280 - 719 - 30 express feriale - 130 express festiva - 271 feriale - 673 - 715 - 716 - N9


Visualizzazione ingrandita della mappa
  • shares
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: