Sgominato un giro di usura tutto asiatico per 30.000 euro al mese

A proposito di evoluzionismo nei tipi di reato preferiti dai cittadini extracomunitatari immigrati nella capitale, è di oggi la notizia che il Comando Provinciale della Guardia di Finanza ha finalmente portato a termine una lunga e complessa indagine sull'usura cingalese a Roma.

Tutto è partito sei mesi fa, quando la prima è più coraggiosa delle vittime del giro (principalmente composto da cingalesi e tamil) ha deciso si non starci più e di denunciare il fatto alle autorità competenti.

Le vittime ammontano ormai a quasi 50, mentre i denunciati sono solo 2. Il tasso d'interesse richiesto non era in linea con la peggiore usura già radicata nella nostra città (63%), ma comunque fruttava almeno 30.000 euro al mese ai due malfattori "fregafratello".

  • shares
  • Mail