Emergenza buche a Roma: stanziati 9 milioni di euro

BucheStradali

Che sia dovuta alle cattive condizioni del manto stradale o alla pioggia e al freddo di questi giorni, quella delle buche a Roma è molto più che un'emergenza. Pericolosissime per gli automobilisti, ma soprattutto per chi si muove su due ruote, somigliano spesso a veri e propri crateri.

Finalmente, sembra che il Campidoglio voglia intervenire in modo radicale. Sono infatti stati stanziati quasi 9 milioni di euro con l'annuncio di un piano straordinario per interventi sia in periferia che al Centro storico. Varato dal sindaco Alemanno, su proposta dell'assessore ai Lavori pubblici, Fabrizio Ghera, sarà messo in atto inizialmente per risolvere tutti i casi diventati ormai insostenibili.

Dei 9 milioni, una parte è già a disposizione per gli interventi più urgenti. Fondi iniziali che ammontano a circa 250 mila euro per ciascuno dei municipi interessati. Quali sono le zone maggiormente interessate?

L'azione del Comune di Roma si concentrerà su via Casilina, via della Pisana, via di Portonaccio, piazza di Porta Capena e lungotevere Testaccio. Si interverrà anche nel Centro storico in via del Circo Massimo, via del Plebiscito e viale Trastevere, con il coordinamento del dipartimento ai Lavori pubblici al quale spetterà anche il compito del monitoraggio.

Il tutto partirà a febbraio e prevede, inoltre, l'attivazione di un numero verde e di una email specifica per la segnalazione di buche e disagi da parte dei cittadini. Il piano fa parte della serie di lavori per la riqualificazione del territorio urbano. Dopo l'annuncio del restyling di piazza Barberini e della riqualificazione di largo di Torre Argentina, la gestione delle strade di Roma è tornata all'amministrazione comunale che non la affiderà più a una singola ditta, ma a imprese più piccole.

Commenta con una nota polemica Athos De Luca, il vicepresidente della commissione comunale Ambiente. "Oramai il sindaco ci ha abituato al fatto che per questa amministrazione tutto diventa emergenza. Anche le normali manutenzioni delle strade vengono affrontate con situazioni di emergenza, con finanziamenti straordinari. La verità è che l'amministrazione, dopo due anni, si trova ancora in grave difficoltà, non avendo predisposto gli appalti per la manutenzione".

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: