Giuseppe Gioachino Belli & La fanga de Roma

La Fanga de Roma Giuseppe Gioachino Belli

Giuseppe Gioachino Belli, poeta della romanità più spudorata e cantore della plebe più sanguigna, è l’ispiratore degli itinerari percorsi e ricostruiti da Elio Di Michele ne La fanga de Roma, edito da Palombi.

Il sonetto belliniano in dialetto romanesco, corredato di illustrazioni suggestive, diventa così il lasciapassare per una dimensione della romanità storica e ‘antropologica’, troppo spesso sottovalutata e fraintesa, molto interessante da recuperare.

La fanga (1) de Roma

Questa? eh nnemmanco è ffanga. Pe vvedella
s’ha d’annà (2) a li sterrati a ppiazza Poli
indov’abbito io; ché ssi (3) nun voli
ce trapassi in barchetta o in carrettella.

Ce fussi armeno un po’ de serciatella
attorn’attorno, quattro serci soli,
da mette er piede e annà ssott’a li scoli
de le gronnàre! (4) ma nemmanco quella.

Pe rricrami (5) ne fàmo (6) oggni tantino;
e allora ècchete (7) dua cor un treppiede
un cannello coll’acqua e un occhialino.

E a sti scannajji (8) tu cce pijji fede:
ebbè, sò (9) ggià ddiescianni cor cudino (10)
e la serciata ancora nun ze vede.

28 marzo 1834

(1) Fango. (2) Andare. (3) Se. (4) Grondaie. (5) Reclami. (6) Facciamo. (7) Eccoti. (8) Scandagli. (9) Sono. (10)

  • shares
  • Mail