Saldi al via: a Roma il 2 gennaio


È ufficialmente iniziato il conto alla rovescia verso i saldi invernali, quest'anno in anticipo sulla normale tabella di marcia almeno per la capitale, dove si comincerà sabato 2 gennaio anziché, come di consueto, dopo l'Epifania. E come al solito, le 'fregature' sono in agguato, tanto che le associazioni di consumatori compilano un decalogo per mettersi al riparo da brutte sorprese.

Ecco i consigli dell'Aduc: fate un giro nei giorni immediatamente precedenti all'avvio ufficiale degli sconti di fine stagione, in modo da verificare i prezzi e gli effettivi ribassi; non fermatevi al primo negozio, ma fate una sorta di 'indagine di mercato' prima di acquistare; non fatevi ingannare da chi supera il 50% nell'offerta: difficile che un commerciante regali qualcosa. Sempre riguardo ai prezzi, occhio a non 'arrotondare' per difetto quando leggete 49,9. Se c'è scritto così vuol dire che costa 50 euro e non 49.

Al momento di andare in cassa, inoltre, diffidate di chi vi obbliga al pagamento in contanti se ha esposti i talloncini che pubblicizzano i circuiti bancomat e carta di credito e anche da chi afferma che la merce venduta in saldo non si cambia: c'è una legge che dice il contrario. Infine un occhio alla qualità: se state acquistando un capo di abbigliamento in fibra naturale è normale che costi di più; non fidatevi dell'etichetta sulle modalità di lavaggio e chiedete sempre; siate sospettosi verso i capi disponibili in tutti i colori e tutte le taglie (difficile che siano rimanenze!) e ricordate: la pura lana vergine, assolutamente non è la stessa cosa della semplice lana.

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: