Da oggi i vigili di Roma saranno armati, consegnate le prime 300 pistole


Un corpo dei vigili urbani “armato e in grado di difendersi anche nelle situazioni più rischiose”: così il sindaco Gianni Alemanno questa mattina ha introdotto la consegna delle prime 300 Beretta 84 ad altrettanti agenti della polizia municipale capitolina. La questione ha fatto molto parlare di sé fin dalla sua proposta, che prendeva a modello altri Comuni italiani. Il provvedimento è stato alla fine adottato affinché nessun cittadino romano “si senta solo e insicuro”, ha precisato il sindaco.

Di tutti gli agenti della polizia municipale di Roma, il 58% ha fatto richiesta di un'arma, ma al 14% di questi è stata negata perché non sono stati ritenuti idonei in sede di visita medica. I 'pizzardoni' (come li chiama affettuosamente ma non troppo la popolazione) armati hanno seguito un corso di addestramento presso il Centro di perfezionamento al tiro della polizia di Stato a Nettuno e ha superato le visite fisiche e i colloqui psicologici. Dopo questa prima tranche di pistole, ne verranno consegnate altre 2500. Attualmente gli agenti in servizio sul territorio cittadino che svolgono funzioni di polizia seppur disarmati sono circa un migliaio.

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: