Viaggio nella blogosfera romana: Arrivederci a DegradodiRoma


Sono passati tre mesi esatti dalla chiusura. Ancora in tanti cliccano sul vecchio link, sempre attivo, per sapere se Laura ci ha ripensato. Ci manca. Sì, perché DegradodiRoma è la mamma della blogosfera romana antidegrado . Il primo post è del 14 giugno 2006, quattro anni fa. Netti.

Per questo nuovo viaggio, a distanza di anni, fra i blogger romani, per vedere cosa è cambiato e cosa resiste, non potevamo non cominciare da lei, anche "se ha smesso". Almeno per ora..

Partiamo proprio dalla fine, Laura, perché hai chiuso?

Perché dopo quattro anni di lavoro autentico, costante, crescente, avevo la sensazione di aver posato la prima pietra. E poi, onestamente, ero stanca. Ogni giorno, essere contemporaneamente segreteria, amministrazione, ufficio denunce e cronoblogger non è facile...

Sei stata la prima, e dopo di te c'è stato un vero e proprio diluvio nella blogosfera romana sul tema urbano ed anti-degrado. Che cosa ne pensi?

Sono molto fiera di essere stata la prima, nell’ambito della rete, a trattare il degrado della città. Quando ho cominciato, non credevo di sollevare tanta polvere. Ho sempre pensato, e lo credo tutt'ora, che se si usa un blog per questo genere di cose, non ha senso farlo ricalcando lo stile giornalistico.

Il blog ha la forza dello scambio, dei suoi lettori attivi fra segnalazioni e commenti. Un blog ha bisogno di vita per crescere. Oggi non si fa a tempo a scoprirne uno, sempre sul tema, che ti rimanda subito ad un altro.

Ma è una cosa buona. Più siamo, meglio è... O no?

Sì, vorrei dire che sono contenta per il movimento in generale. Ma oggi noto uno sgomitamento nella Rete, che mira più a fare aggregazione in vista di qualcosa che va oltre la denuncia di una magagna romana. Si rischia una caricatura generale, fatta di copia-incolla, in un coro confuso di battaglie che seguono le mode, i tormentoni giornalistici. E peggio ancora, molti di questi blog hanno una precisa finalizzazione politica. Non altro.

Invece di remare comunque tutti verso un miglioramento, si compete per la risonanza, si litiga per il click. L'assenza di etica, in questo mondo non è diversa da quella che notiamo negli altri campi. E questo fa male, perché la Rete priva di quel codice autoetico che la rende così forte, diventa un Far West.

A proposito di Rete, tu con Roma Cogitans altro vecchio storico nella blogosfera romana, uscito da tempo, ed altri senatori, avevate avviato la Rete dei Blog Romani. Esiste tutt'ora, ma tu non ne facevi più parte anche quando eri attiva. Perché?

E' una storia lunga e complessa. Posso solo dire che anche all'epoca preferii uscire subito e lavorare da sola, piuttosto che sottostare a regole e schemi precostituiti ed infinite liti interne. Del resto c'è anche qualcuno che si è dichiarato felice per la mia recente chiusura.

Ok, basta con le polemiche da beghe blog condominiale, parliamo dei risultati, sei finita su diversi giornali, anche in tv. Ma quali sono i tuoi ricordi più belli?

Ce ne sono tanti, troppi. Le vetrine mediatiche non sono la cosa più emozionante. Ho provato a raccogliere i dati in fondo al mio ultimo post:

Data apertura : 14/06/2006 e data di chiusura : 14/03/2010, Giorni totali : 1368
Con l’amministrazione Veltroni : 22 mesi e ½, Con l’amministrazione Alemanno : 22 mesi e ½
N. Post totali : 1000 N. Commenti : 8.746, e-mail indirizzate agli organi competenti : circa 400
Il post che mi ha divertito di più : Bricolage
La mia più grande soddisfazione : Questo blog in un libro
Il progetto che speravo avesse un futuro : I have a dream

Insomma, niente male. A proposito, parlando di amministrazioni, tu non hai mai nascosto la tua avversione per la precedente e la simpatia, o comunque la preferenza per quella attuale. Ne sei ancora convinta o nutri qualche dubbio?

Sì, come ho avuto modo di ripetere più volte, per me Veltroni è stato pressoché nullo. Su Alemanno cito quello che vedo. Gli sgomberi, la riorganizzazione dell’AMA, e la potatura degli alberi di Roma. Per me è già tanto.

Per par condicio devo segnalare che c'è anche molta delusione, ma andiamo avanti con le ultime domande. Cosa segui ancora online?

I vecchi blog, quelli di sempre, che trovi sulla mia colonna verticale destra (ci siamo anche noi! ndr), ma onestamente con meno frequenza. Poi qualche quotidiano, Messaggero su tutti.

E il tuo domani, che progetto c'è sotto questa "pausa"?

Top Secret.

Va bene, Laura, di più non riesco ad estorcerti, come sempre, figurati una tua foto... Come vecchio collega ti dico arrivederci, anche a nome di 06 blog, che spesso ti ha letto, citato e linkato. Grazie ancora. A prestissimo.

Grazie a voi, arrivederci.


  • shares
  • Mail
10 commenti Aggiorna
Ordina: