Capitale Espresso. Cosa fare a Roma in 24 ore.

capitalespresso

Seconda puntata per questa nuova rubrica. Che sia un week-end, un viaggio di lavoro o una visita veloce a parenti e amici, a volte abbiamo poco tempo per goderci ciò che una città come Roma ci offre. Cosa fare? Dove andare? Dove fermarci a dormire? Scorriamo i giornali e non riusciamo a decidere.

Vogliamo darvi dei suggerimenti. Una specie di agenda delle cose da vedere (e da evitare): una lista dei posti imperdibili. Cosa fare a Roma in quattro, otto, ventiquattro ore. O in un week-end.

'Stavolta vi proponiamo dei consigli per un intera giornata: ventiquattro ore. Prendete nota: pronti? Via.

Dalle ore 8 alle ore 10
Siete appena arrivati. Aereo o treno, comunque nella zona della Stazione Termini. Con tanto di languorino e necessità di una buona colazione annessa. Prendete la linea A della metropolitana e arrivate a piazza della Repubblica (o piazza Esedra). Scendete per via Nazionale. Vi attendono due ottime alternative. Il Doveralù al civico 213 (ottimi dolci, vasta scelta di bevande calde e non) e la caffetteria di MelBookstore, la libreria al 254. Occasione perfetta se siete in ritardo per acquistare un regalo: potete scegliere tra libri, dischi, t-shirt e gadget.

Dalle ore 10 alle ore 12
Un po' di cultura non guasta, anzi. Quella più istituzionale è al redivivo Palazzo delle Esposizioni, sempre su via Nazionale, al civico 194. Per curiosare passeggiando invece, ci sono gli splendidi Mercati Traianei e, più in generale, tutto il rione Monti, a cui accedere dalla traversa di via dei Serpenti (magari approfittando della nostra guida in Turisti a Roma).

Dalle ore 12 alle ore 14
Per un buon pranzo, già che siete in zona, precipitatevi da Doozo, un ottimo ristorante giapponese in via Palermo. L'alternativa per un menù orientale è Hang Zhou, reputato da anni uno dei migliori ristoranti cinesi della Capitale.

Dalle ore 14 alle ore 16
Passeggiata d'obbligo per smaltire il pranzo. Fate uno sforzo e inerpicatevi sulla scalinata dell'arco del Palazzo Borgia, da via Cavour: merita ogni faticoso gradino.

Dalle ore 16 alle ore 18
Invece di farvi rovinare il soggiorno dallo stress della calca di un pomeriggio al Centro Storico, se siete in vena di shopping, prendete la linea B della metro e scendete alla fermata Colosseo. Due passi fino al rione Celio per trovare Suzuganaru: due negozi in via di San Giovanni in Laterano (al civico 204 per l’uomo e al 206 per la donna).

Dalle ore 18 alle ore 20
Spingetevi fino al quartiere San Lorenzo. Prendete la linea 3 del tram da via Labicana in direzione Thorvaldsen, fino alla fermata Scalo S. Lorenzo/Sardi. Gustatevi l'aperitivo all'ottima libreria-caffè Bar à Book in via dei Piceni 23. Per la cena, arrivate al "Vini e Olii" in via degli Equi 58: ottimi piatti della tradizione romana, menù dai prezzi abbastanza contenuti.

Dalle ore 20 alle ore 22
Per la serata potete tornare verso il centro in zona Trastevere (sempre con la stessa linea del tram) e lasciarvi affascinare dal dedalo di vicoli e luci (magari evitando strade e piazze intasate di turisti). Oppure restare in zona e dedicarvi alla scoperta di vini nella bottiglieria Fuzzy Bar in via degli Aurunci 6. O ancora andare a ballare o ascoltare un concerto al Fanfulla 101, in zona Pigneto, raggiungibile con il tram 5, 14 o 19 da piazzale di Porta Maggiore.

Dalle ore 22 alle ore 24
Sarete stanchi. Ovviamente Roma offre una quantità notevole di alberghi e sistemazioni di vario livello (e prezzo). Sceglierne uno farebbe torto agli altri. Se avete qualche soldo in più da spendere, però, un'esperienza può essere L'ES Hotel in via Turati. Costoso, prestigioso: una perla di design e lusso. Se non fa al caso vostro, almeno, visitatelo.

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: