Turisti a Roma: il Rione Testaccio (terza parte)

MACROroma

Rimanendo in tema culturale, impossibile non visitare una delle due sedi del MACRO, ovvero il Museo d'Arte Contemporanea di Roma. Il MACRO Future comprende due padiglioni ospitati dalla struttura ottocentesca dell'ex Mattatoio.

Già dall'ingresso, l'accostamento è suggestivo: un luogo che accoglie con l'eleganza architettonica voluta da Gioacchino Ersoch e, all'interno, ha ancora le testimonianze in pietra e metallo dell'uso cruento che si faceva di quegli spazi. E' aperto tutti i giorni ad esclusione del lunedì, dalle 16 alle 24.

Per la cena, senza spostarsi troppo, su piazza Orazio Giustiniani, proprio di fronte all'ex Mattatoio c'è "Acqua e Farina", piccola pizzeria dove gli antipasti sono il piatto forte. Consigliata anche la Creperie di Testaccio al civico 11 di via Galvani: cucina internazionale e ottime crêpes dolci e salate.

ExMattatoio

Come vi accennavamo, la vita notturna di Testaccio è tutta compresa in questa zona a ridosso del 'monte'. Via Galvani è una lunga successione di locali, cocktail bar e ristoranti: percorretela fino a metà e incrocerete via Nicola Zabaglia. Circa duecento metri e, sulla destra, inizia via di Monte Testaccio. Da questo punto in particolare è possibile intuire come la storia del quartiere abbia ruotato in passato attorno a questa collinetta creata dall'accumulo di cocci e terra. Le costruzioni sono terrazzate, nascoste in parte da una vegetazione ancora incolta che le ha protette per anni anche da sguardi poco graditi.

Se la parte a ridosso di via Zabaglia è ormai legata alla movida testaccina, l'estetica di quella più vicina all'ex Mattatoio è ancora legata ai trascorsi del quartiere. Qui, negli anni, si è avvicendato un po' di tutto, sfasci e magazzini compresi. Una Roma da "Romanzo Criminale" che si muoveva silenziosamente tra le curve di questa strada stretta e nascosta.

Due i locali per mangiare che vi segnaliamo su via di Monte Testaccio. Da Flavio al "Ve l'avevo detto", ristorante pizzeria al civico 97 e il Charro Cafe al civico 73: cucina tex-mex, carne alla griglia e paella. Per ballare, invece, gli storici Akab (ricavato su due piani proprio dai 'grottini' del monte) e il Caffè Latino. Prima che music club, praticamente due istituzioni delle notti romane. Nato da poco, ma già agguerritissimo, il Contestaccio propone invece musica dal vivo: nomi noti della scena musicale romana insieme a rassegne di gruppi emergenti in uno spazio piacevole dagli orari particolarmente adatti ai nottambuli. Lo trovate al civico 65b.

Ancora qualche consiglio mangereccio per chi invece ha preferito un cinema (il Greenwich in via Bodoni offre una programmazione di buon livello) o il teatro (oltre al Vittoria c'è il piccolo Teatro Testaccio in via Romolo Gessi) e cerca un posto per rifocillarsi dopo lo spettacolo. L'Osteria degli Amici al civico 25 di via Zabaglia è un locale piccolo e tranquillo dove cucina romana e creativa trovano un buon equilibrio. Per gli amanti dello slow food e dei piatti più ricercati c'è invece il Satollo in via Rubattino 22 .

La guida al rione Testaccio potrebbe continuare per molte righe ancora. Una buona idea potrebbe essere quella di concluderla con un suggerimento che non prevede indirizzi o numeri di telefono per la prenotazione. E' simile a quello che vi diciamo spesso nelle puntate di Turisti a Roma: camminate. Andate in giro, specialmente la mattina e osservate senza troppa fretta.

Per Testaccio vogliamo aggiungere un consiglio: parlate. Fate qualche domanda ai testaccini che, come buona parte dei romani de roma sembrano burberi, ma si sciolgono in fretta con tantissima voglia di raccontarsi e di raccontare un quartiere che rivendica orgoglioso le sue origini e la sua 'lentezza' rispetto ai cambiamenti, non sempre positivi, della città che lo circonda.

Foto | MACRO

Il Rione Testaccio: come arrivare
Autobus: 716, 95, 280, 673 (notturni: n2, n10, n11)
Metro: Linea B, fermata "Piramide"


Visualizzazione ingrandita della mappa
  • shares
  • Mail