Roma Economica: per i romani il vademecum "Tu risparmi l’ambiente ci guadagna"

Tu risparmi l�ambiente ci guadagna

In tempi di crisi per l’ambiente e le tasche di tanti romani, sul sito del Comune di Roma e su quello dell’Associazione ambientalista Fare Verde è possibile scaricare l’opuscolo "Tu risparmi l’ambiente ci guadagna", una sorta di vademecum per ridurre il nostro impatto su ambiente e portafoglio, presto distribuito nelle scuole, nei Municipi e davanti ai supermercati.

Ideato da Fare Verde Onlus e realizzato dalla Presidenza della Commissione Ambiente del Comune di Roma, per istruire e sollecitare una vera e propria educazione ecologica, "Tu risparmi l’ambiente ci guadagna" concentra in 15 punti il nocciolo della questione, non risparmiando consigli saggi ma non sempre praticabili.

Non è difficile immaginare un risparmio per noi e l’ambiente bevendo l’acqua del rubinetto (almeno fino a quando non la privatizzeranno come in provincia) invece di quella imbottigliata, anche se questa spesso è sconsigliata se non vietata ad una grossa fetta della popolazione.

Alle buste di cotone ‘riutilizzabili’, meglio di quelle di carta, siamo già passati in molti, senza contare il ritorno del carrello 'della nonna', anche se ovunque continuano a produrne di plastica. I detersivi alla spina sono una buona idea, peccato che al momento siano disponibili prevalentemente in negozi e supermercati, ovvero il punto 3 che l'opuscolo consiglia di sostituire con la vendita diretta, per risparmiare, inquinare meno e sostenere le economie locali.

Gli elettrodomestici stand by spenti fanno risparmiare, anche se per anni ci hanno fatto credere che il risparmio era irrilevante, certo è meglio la bicicletta della macchina ma dipende sempre dove vivi e quanta 'e quale' strada devi fare per spostarti in città, le macchine di proprietà costano troppo ma non è che i trasporti pubblici, il “Car sharing” o il "Bikesharing" qui da noi funzioni come all’estero.

Termosifoni e Avvolgibili ben isolati fanno di certo risparmiare, ma paventare un ritorno ai “pannolini lavabili” per i bambini sfiora vette inimmaginabili... Non sarebbe meglio cominciare a pensare a pannolini usa e getta per i bambini e per ‘le donne’, realizzati con materiali biodegradabili e riciclabili? Andiamo nello spazio e non possiamo arginare l'invasione dei 'pannolini'?

Forse bisognerebbe cominciare a mettere in pratica qualcosa di più sostanziale e incisivo, sia per l’ambiente, sia per noi e il costo della vita, qualcosa tipo migliorare i servizi che funzionano solo in teoria, favorire anche le realtà più piccole, scoraggiare se non vietare in certi casi l’uso degli imballaggi, di plastiche e materiali non riciclabili e costosi oltre che inquinanti, limitare l’emissione di gas serra ... Dopo che avete dato un’occhiata a "Tu risparmi l’ambiente ci guadagna", mi piacerebbe conoscere la vostra opinione in proposito.

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: