Influenza A H1N1: l'ultimo bollettino del Policlinico Umberto I di Roma

Influenza A (H1N1)

Mentre siamo quasi tutti debilitati da raffreddori, influenza, malori stagionali, e i medici ci rassicurano con vitamine e ricostituenti, i casi della temibile influenza A H1N1 sono in aumento nella capitale e l’ultimo bollettino del Policlinico Umberto I di Roma aggiorna la stima dei casi accertati e sospetti.

I casi accertati di positività, ricoverati per influenza H1N1 sono 17, di cui 14 pazienti pediatrici e 3 pazienti adulti. I casi sospetti sono 7 di cui 4 pazienti pediatrici e 3 pazienti adulti.

La cosa non rassicura, anche se il vaccino è finalmente arrivato e i medici sembrano i più restii a vaccinarsi, convinti del fatto che il virus dell'influenza A sia dieci volte meno aggressivo dell'influenza stagionale.

A Roma i primi vaccini sono andati al personale sanitario del Bambin Gesù, alle donne al 6° mese di gravidanza e ai pazienti con gravi patologie, in seguito dopo il 'picco' stagionale, in considerazione delle ingenti scorte, la campagna di vaccinazioni sarà estesa a tutta la popolazione.

Questo servirà a scongiurare una seconda ondata di solito più violenta della prima a causa del virus mutato, come accadde per la Spagnola e per la pandemia del 1968. La stessa OMS raccomanda la vaccinazione per monitorare meglio la diffusione del virus.

In ogni caso, per calmare gli animi e dispensare consigli sulla migliore profilassi da seguire, il Comune di Roma ha messo on line un decalogo della prevenzione, mentre per la diagnosi del virus, la Federazione dei Medici di Famiglia consiglia di recarsi nei centri di riferimento specializzati e di non fidarsi dei test poco attendibili.

Foto: Flickr

  • shares
  • Mail