La Palma: dal degrado al recupero

LaPalmaClub

Chi si ricorda de La Palma? Locale fra i più belli e grandi di Roma, quello di via Mirri 35 (zona Portonaccio) era un esempio di come spazi enormi e attrezzati fossero possibili anche nella nostra città. Un'intensa attività live (jazz, rock, pop), mostre d'arte, spettacoli. La promozione del Comune di Roma e dalla Regione Lazio. Due palchi (uno interno l'altro nell'ampio giardino), un ristorante, La Palma giace da due anni in uno stato di abbandono e degrado che interessa anche i cittadini del V municipio.

La storia è tristemente nota: lavoratori non retribuiti per mesi e la successiva chiusura a causa dell'impossibilità di far fronte a spese mal gestite. Il risultato è uno spazio vasto, attrezzato e immerso nel verde, lasciato a se stesso e all'incuria. Gli ex-dipendenti, in attesa degli arretrati, hanno costituito "LP": un consorzio di lavoratori che, insieme all'associazione culturale Artinconnessione, prenderà in gestione gli spazi per creare un polo culturale e nuove occasioni di lavoro per chi opera nel settore artistico e culturale.

Non solo. C'è anche la proposta di sfruttare tutto il verde della struttura per offrire un luogo adatto ai bambini così come agli adulti del quartiere. Proprio per ascoltare proposte e pianificare interventi, oggi giovedì 22 ottobre, a partire dalle ore 17, si svolgerà un'assemblea pubblica negli spazi de La Palma. Un modo per restituire dignità (e opportunità lavorative) a uno dei luoghi storici della cultura a Roma.

  • shares
  • Mail