Roma a tavola: "Sapori Colti. Passaggi di cultura tra osterie, ristoranti e trattorie di Roma"

Romolo trilussa a cena con gli amici a trastgevere, 1950

Roma custodisce un patrimonio storico e culturale inestimabile, incastonato tra i reperti archeologici, protetto da teche e edifici imponenti, conservato nei musei ma anche in luoghi pronti a soddisfare ogni genere di appetito.

Alzi la mano chi non ha mai consumato un pasto lasciando vagare lo sguardo in veri e propri monumenti alla memoria del luogo, raccontato da foto, autografi, disegni e ogni genere di cimelio, lasciato da personaggi illustri, famosi, affezionati o abituali.

Sono proprio questo genere di storie custodite dalle sedi conviviali della capitale, ad animare la mostra “Sapori Colti. Passaggi di cultura tra osterie, ristoranti e trattorie di Roma”, e svelare tanti tesori nascosti, inediti e curiosi della memoria collettiva di Roma, per decenni sotto gli occhi di commensali più o meno inconsapevoli.

Sapori Colti. Passaggi di cultura tra osterie, ristoranti e trattorie di Roma
Bozzetto di Federico Fellini, 1986, Ristorante Dal Toscano Disegno di Juliette Binoche, libro ospiti, Ristorante Due Ladroni Il gol numero 1000 di Pelè Keith Haring, senza titolo, Ristorante Antica Pesa

La mostra, ospitata dal Complesso del Vittoriano fino al 15 novembre, e curata da Paolo di Giannantonio e Alessandro Nicosia, espone più di 500 frammenti di storia, cultura e costume, tra dipinti, schizzi, caricature, appunti, dediche, ricevute, considerazioni, poesie, fotografie, oggetti, rime, versi … lasciati da artisti, poeti, musicisti, attori, registi, uomini di cultura e di potere, scrittori e saggisti, caricaturisti, disegnatori, intellettuali, ballerine, ma anche da persone comuni passate per i libri degli ospiti.

Dai disegni su tovagliolo di Federico Fellini, al bicchiere di Trilussa, dalle pale per la pizza con le dediche dei vips di musica e televisione, allo specchio donato all’oste Angelino dalla Principessa Jolanda di Savoia contessa Calvi di Bergolo come ringraziamento per i ripetuti invii di carciofini, dalle posate d’oro del ‘Re delle fettuccine’ Alfredo donate dai divi del cinema Mary Pickford e Douglas Fairbanks per le sue famose fettuccine al doppio burro, aiVersi autografi del poeta Sandro Penna …

Vignetta con dedica di Federico Fellini, settembre 1987, ristorante Al 59, Collezione Zupiroli Autoritratto di Anthony Quinn, libro ospiti, Romolo nel Giardino di Raffaello e della Fornarina Disegno di Milo Manara al Girarrosto Toscano Disegno di Federico Fellini, Ristorante Le Tavernelle

… oltre ai disegni e le dediche dei libri per gli ospiti, come il disegno di cioccolato di Juliette Binoche lasciato al Ristorante Due Ladroni, quello di Keith Haring al Ristorante Antica Pesa, di Milo Manara al Girarrosto Toscano, di Federico Fellini al Ristorante Le Tavernelle, quello sul gol numero 1000 di Pelè, l'autoritratto di Anthony Quinn a Romolo nel Giardino di Raffaello e della Fornarina, ... e di Jean Cocteau, Guglielmo Marconi, Benito Mussolini, Margherita Sarfatti, Ettore Petrolini, Filippo Tommaso Marinetti, Giovanni Gentile, Tazio Nuvolari, Primo Carnera, Indro Montanelli, Alberto Sordi, Adolfo Celi, Delia Scala, Enrico de Nicola, Thomas Mann, Giuseppe Ungaretti, Orson Welles, Palmiro Togliatti, Roberto Benigni, Massimo Troisi, Aldo Fabrizi, Ugo Tognazzi, Oreste Lionello, Paolo Panelli, Dario Fo, Macario, Mike Bongiorno, Corrado, Fiorello, Anna Magnani, Michelangelo Antonioni, Claudia Cardinale, Charles Schultz, George Clooney, Matt Dillon, Gwyneth Paltrow, Whoopi Goldberg, Mickey Rourke, i Beatles, i Rolling Stones … qui potete sbirciare anche il video realizzato da c6.tv.

  • shares
  • Mail