Bus a Roma. Torna il bigliettaio?

Bigliettaio_Bus_1955_Aurau

Un po’ per i furbetti che viaggiano gratis, per la mancanza di controlli adeguati che non scoraggiano atti di vandalismo e criminalità, il buonsenso e un pizzico di nostalgia potrebbero far tornare il bigliettaio sugli autobus della Capitale. Nell’immagine un sorridente bigliettaio nel 1955, dalla sua postazione vicino dell'ingresso posteriore.

Probabilmente se non fosse per Aldo Fabrizi il Cesare di Avanti c’è posto e tanto cinema, molti di noi nemmeno ricorderebbero questa vecchia figura professionale scomparsa a Roma tanto tempo fa, anche se a molti non giovanissimi sarà capitato di sedersi sul trespolo del bigliettaio lasciato in disuso sugli autobus verdi prima dell'avvento di quelli arancione.

La sperimentazione per un anno si concentrerà almeno all’inizio sulle linee di autobus che attraversano le zone centrali della Capitale, come il 64, 46, 490, 49, 492, 81 e 70. Assicurando una maggiore sicurezza e decoro per i mezzi, forse anche qualche nuovo posto di lavoro, la proposta arriverà entro novembre, in commissione congiunta turismo-mobilità del Campidoglio.

Al consiglio spetterà l'ok definitivo. Per un sondaggio dell'Osservatorio Ermes l'82% degli intervistati sarebbero favorevoli al ritorno del bigliettaio per un sacco di ragioni. Così d'istinto, l'idea di sostituire un obliteratrice con un essere umano, magari anche loquace e sorridente, non mi spiace affatto. Voi cosa ne pensate?

Via | Ansa

  • shares
  • Mail
20 commenti Aggiorna
Ordina: