Bianconi 2, spunta un caso precedente


Ironia della sorte, nel giorno stesso in cui Bianconi decide di scusarsi per la mail inviata al titolare di un centro ortopedico in Prati, ecco che spunta un altro messaggio dal contenuto simile, ma precedente, al rinomato caso di "stipula di un patto di sangue" elettorale.

L'episodio rimanda al 20 aprile scorso, e ha per protagonista non un singolo cittadino ma un intero condominio. Le carte sono state rese note a seguito della denuncia ai giornali; i cittadini avevano criticato l'attuale consigliere per il contenuto di un suo volantino, nel quale appariva la frase "Io lavoro per chi mi vota".

La risposta di Bianconi, simile per tono e argomenti, non si era fatta attendere: con toni trionfalistici per l'incarico ottenuto in virtù di 1531 voti, aveva reclamato le generalità degli scriventi (compresi indirizzi e cellulare) per controllarne l'impegno al voto. Il Pdl, dopo la dura presa di posizione di Alemanno, si è schierato compatto contro il suo esponente. Dimissioni in vista?

  • shares
  • Mail
6 commenti Aggiorna
Ordina: