Interrogazione parlamentare sui taxi di Fiumicino


Due parlamentari hanno rivolto al ministro del Turismo, Michele Brambilla, un'interrogazione che riguarda i taxi romani. Secondo Donatella Poretti e Marco Perduca, radicali eletti nel Pd, "una corsa in taxi dall'aeroporto di Fiumicino a Roma (entro le mura Aureliane) ha una tariffa comunale fissa che può variare da 40 a 60 euro, a seconda del Comune che rilascia la licenza al taxi: se rilasciata dal Comune di Roma la tariffa è 40 euro se, invece, è rilasciata dal Comune di Fiumicino la tariffa sale a 60 euro, il 50% in più".

Un sistema che spingerebbe, sempre secondo i parlamentari, a tendere un tranello ai turisti ignari delle differenti tariffe, sia italiani che stranieri.

Una situazione ancora più paradossale perché i taxi formano un'unica fila all'esterno dello scalo aeroportuale e non si differenziano. Quindi, se al cliente capita una vettura di Fiumicino, il costo è maggiorato. Praticamente una roulette.

Fonte | il Giornale

  • shares
  • Mail
6 commenti Aggiorna
Ordina: