Al via il restauro del Colosseo - L'Anfiteatro Flavio pulito e messo in sicurezza entro il 2011


"Un restauro epocale, come accaduto per la Cappella Sistina" secondo il sindaco di Roma, Gianni Alemanno. "2010, anno della svolta per l'Anfiteatro Flavio" a sentire le parole del sottosegretario ai Beni Culturali, Francesco Giro. Una cosa sembra chiara: per il Colosseo il prossimo anno dovrebbe essere quello del restauro definitivo.

Gli interventi programmati per la tutela del più celebre monumento d'Italia sono stati presentati questa mattina a palazzo Altemps e partiranno, come anticipato da 06blog, a fine 2009 per concludersi nel 2010-2011. Si va dalla tanto attesa eliminazione del nero che incrosta le arcate esterne del monumento, alla messa in sicurezza dell’attico e del settore Stern, fino al restauro del terzo ordine e dell’area del perimetro dell’Arena.

La spesa prevista è di 1,27 milioni di euro già stanziati più un’ulteriore esborso di 500.000 euro da approvare a breve. L'obiettivo, ha spiegato Giro, è riportare allo splendore l’Anfiteatro Flavio, gradualmente, dal febbraio 2010 ad inizio 2011, anno delle celebrazioni dei 150 anni dell’Unità d’Italia e dei 140 di Roma Capitale. Seguono le dichiarazioni di Alemanno e i particolari dell'operazione.

Per il Colosseo, ha fatto sapere Giro si prevede un primo intervento sull’attico del monumento per 400.000 euro che si concluderà nel febbraio 2010, un secondo intervento sull’area del perimetro e al settore Stern che finirà nel marzo 2010 e che costerà 390.000 euro ed un’ultima operazione al terzo ordine destinato a chiudersi sempre nel marzo del prossimo anno al costo di 480.000 euro.

“Consolideremo le mura e le ripuliremo ed interverremo dalle fondamenta all’attico” ha detto Giro che poi ha ricordato che gli interventi in cantiere serviranno ad aumentare il numero dei turisti “a fronte di dati di afflusso che non ci soddisfano visto che 4,7 milioni di visitatori all’anno per un monumento prestigioso come il Colosseo sono pochi”.

Per il sindaco di Roma, Gianni Alemanno, l’operazione di restauro "si deve trasformare in un grande evento epocale, come è stato per la Cappella Sistina. Ora abbiamo bisogno di tempi per i lavori certi, e penso che per velocizzarli si possa cercare un grande sponsor internazionale che si aggiunga ai fondi già erogati dallo Stato”.

Foto: Flickr

  • shares
  • Mail
8 commenti Aggiorna
Ordina: