Taxi, no a canottiere e ciabatte per i conducenti


Niente divise per i tassisti, per ora ci si ferma al buon gusto. Anche se il vice sindaco Mauro Cutrufo insiste: "Gli operatori del trasporto pubblico sono uno dei biglietti da visita della città e il turista, quando sale su di un taxi, forma il primo giudizio e la prima impressione proprio su chi guida la vettura". Ma i diretti interessati non sono convinti.

Il Campidoglio pensa a una strategia definita da una delibera della Giunta Comunale del 5 agosto scorso, dove ci si occupa dell'abbigliamento dei tassisti: scarpe chiuse, pantaloni, camicia, t-shirt o polo. Bando a canottiera e ciabatte. Moreno Bittareli, re delle auto bianche, scuote la testa. Settembre si preannuncia caldo quanto agosto.

  • shares
  • Mail
4 commenti Aggiorna
Ordina: