Alemanno annuncia il piano nomadi: 13 campi per 6000 rom


Entro la prima metà del 2010 la giunta di Gianni Alemanno metterà in atto il cosiddetto "piano nomadi", volto a creare un vero e proprio modello romano nel rapporto coi rom, magari da esportare in altre regioni italiane.

Si tratta di un progetto che prevede lo smantellamento della maggior parte dei campi attuali, che ammontano fino a un numero di 100 (perlopiù "tollerati" o temuti come piccoli inferni in terra). 13 di nuovi ne sorgeranno, in cui 6000 nomadi saranno collocati. Il tetto di 6000 individui è stato scelto per realizzare il piano in "perfetta sicurezza".

6000 non è comunque una cattiva cifra, visto che all'ultimo censimento ne sono risultati 7200, sul territorio di Roma e dintorni, con una stima del 25% del totale che avrebbe rifiutato di farsi censire. Speriamo che questo possa davvero essere l'inizio di un cambiamento per quanto riguarda il dramma tutto romano e tutto italiano della gestione dei rapporti con questa etnia.

  • shares
  • Mail