Gli scavi di Roma. 
Via dell'impero. Nascita di una strada ai Musei Capitolini

Via dell�Impero Nascita di una strada_1

Tutti sappiamo bene come e quanto Roma sia una città ‘stratificata’ e quanto sia alta la probabilità di trovare uno di questi strati scavando nel giardinetto sotto casa o nelle poche zolle di terra non ancora edificata, anche se sempre più spesso questi reperti vengono fuori dalle fondamenta di costruzioni più moderne.

Ma il ‘progresso’ dell’edilizia, ha radici molto lontane e sovente ne abbiamo un assaggio. Un anno fa, foto, dipinti, affreschi e reperti archeologici quanto mai illuminanti, in mostra con L’invenzione dei Fori Imperiali Demolizioni e scavi: 1924 - 1940, hanno documentato le trasformazioni del tessuto urbano nell’area dei Fori Imperiali, dove demolizioni e scavi per il recupero e ripristino dell’area sepolta servivano a rafforzare l’ideale continuità storica della Roma fascista con l’Epoca Imperiale.

Oggi la mostra Via dell’Impero. Nascita di una strada prosegue questo viaggio esplorativo negli sventramenti ‘ordinati’ da Mussolini per la realizzazione della ‘via dell´Impero’ che congiungeva piazza Venezia al Colosseo, perfetta per le parate di celebrazione.

Via dell’Impero Nascita di una strada
Via dell�Impero Nascita di una strada_2 Via dell�Impero Nascita di una strada_3 Via dell�Impero Nascita di una strada_4 Via dell�Impero Nascita di una strada_5

Attraverso dipinti, acquerelli e disegni del Museo di Roma e del Gabinetto Comunale delle Stampe e fotografie d’epoca dell’Archivio Fotografico Comunale, la mostra dei Musei Capitolini ricostruisce gli sventramenti nel centro storico di Roma fra il 1920 ed il 1940 che diedero alla luce I Fori Imperiali, con una esposizione di alcuni dei materiali di epoca romana e rinascimentale recuperati negli scavi.

Grazie alla ricchezza di informazioni dei minuziosi e accurati taccuini dell'archeologo romano Antonio Maria Colini, con questa esposizione, le 60 foto d'epoca realizzate da fotografi professionisti romani come Filippo Reale, Michele Valentino Calderisi e Cesare Faraglia, gli affreschi e le sculture in mostra a Palazzo Caffarelli in Campidoglio, fino al 20 settembre, testimoniano come la riscoperta dei fasti di Roma antica sia costata un caro prezzo a spese di quella più moderna.

Senza quelle demolizioni oggi non conosceremmo la magnificenza dei mercati di Traiano, le connessioni tra i Fori e i templi, la frenesia delle Erinni nel fregio mutuato dall'altare di Pergamo che raffigura la lotta tra dei e giganti… ma è anche vero che per scoprire il vecchio abbiamo perso molto del nuovo e questo invita a riflettere. Riflessioni a parte la mostra è davvero interessante.

  • shares
  • Mail
6 commenti Aggiorna
Ordina: