La Guerra della Nazione. Italia 1915-1918

la_guerra_della_nazione_italia_1915_1918_1

Italia 1915 -1918. Anni logoranti e terribili, quelli della Grande Guerra, della Prima Guerra Mondiale, la prima Guerra di Nazione e almeno la quarta di Indipendenza, anni studiati sui libri di storia o ricordati dai racconti di nonni e anziani, anni difficili da visualizzare, incredibili da guardare.

Anni di trincee a retrovie, di stenti e incessante produzione bellica, raccontati da una selezione di fotografie, per lo più inedite, appartenenti a tre diversi fondi e conservate dall'Archivio Centrale dello Stato, in mostra con La Guerra della Nazione. Italia 1915-1918 negli spazi del Museo di Roma in Trastevere, fino al 20 settembre 2009.

Una selezione davvero interessante riprodotta nel catalogo edito da Palombi Editore, (con il contributo di Banche Tesoriere del Comune di Roma, BNL Gruppo BNP Paribas / UniCredit Banca di Roma / Monte dei Paschi di Siena e Vodafone) che racconta con le immagini uno dei momenti più critici della nostra storia. Ora non ci resta che aspettare la prossima mostra e gli Scatti di Guerra di Lee Miller e Tony Vaccaro 
dallo sbarco in Normandia a Berlino, presto visibili alle Scuderie del Quirinale.

La Guerra della Nazione. Italia 1915-1918
la_guerra_della_nazione_italia_1915_1918_2 la_guerra_della_nazione_italia_1915_1918_3

Questa mostra è presentata dall'Assessorato alle Politiche Culturali e della Comunicazione del Comune di Roma, la Sovraintendenza ai Beni Culturali del Comune di Roma e l'Archivio Centrale dello Stato e promossa dal Sovrintendente Prof. Aldo G. Ricci, in collaborazione con la Direzione Generale per gli Archivi ed il Museo Centrale del Risorgimento.

Le fotografie selezionate per l’occasione appartengono a tre diversi fondi: la Mostra della Rivoluzione Fascista con documenti e immagini, raccolti a fini espositivi e propagandistici, sulla storia d'Italia dal Risorgimento all'avvento del fascismo e oltre; gli album fotografici con la raccolta delle immagini scattate sui teatri di guerra da due addetti dello Stato Maggiore Italiano; e infine le migliaia di foto raccolte dal Ministero delle Armi e Munizioni a documentazione della mobilitazione industriale e civile che interessò l'intero Paese.

  • shares
  • Mail