Dualità e identità in mostra con “Doppia Visione/Double Vision”

LianaCiuccio_NonnoRoma

Doppia nazionalità, italiana e americana quella della fotografa Liana Ciuccio, “Doppia Visione/Double Vision” la mostra multimediale dedicata alla sua identità biculturale, ospitata fino al 28 luglio dalla Casa della Memoria e della Storia di Via San Francesco di Sales 5 a Trastevere.

Una mostra di foto e video incredibilmente suggestiva, anche se la vostra dualità non è di natura culturale e geografica come quella della fotografa divisa tra Roma e New york, con una famiglia per metà italiana da parte di madre e per metà italo-americana da parte di padre.

Una nonna siciliana arrivata con il marito ad Ellis Island a soli diciotto anni, per giunta incinta e un nonno romano fatto prigioniero dai tedeschi durante la Seconda Guerra Mondiale, al quale la Ciuccio ha dedicato un documentario sui ricordi di guerra che ha inaugurato la mostra.

Doppia Visione Double Vision
LianaCiuccio_SorellaSicilia LianaCiuccio_NewYorkRoma_1 LianaCiuccio_NewYorkRoma_2 LianaCiuccio_SorellaNewYork

Una famiglia intera per esplorare le origini e l’identità della fotografa ma anche quelle di ognuno di noi, che vive una dimensione identitaria comunque sfaccettata e frammentaria.

Piacevole come sfogliare un vecchio album di famiglia di qualcuno che ancora non conosciamo, rassicurante come una memoria che non rischia di essere perduta. Perfetta per appagare nostalgie ed esplorare emozioni di transfert.

  • shares
  • Mail