Gheddafi a Roma - Contestazioni alla Sapienza

Secchiate di vernice rossa contro i poliziotti. Fischi e lanci di uova. Ed una carica delle forze dell'ordine contro i manifestanti senza conseguenze. E non è ancora finita: perchè alle 18 ad un nuovo appuntamento in Campidoglio, dove si incontrerà con il sindaco Alemanno, si annunciano altre contestazioni. Era prevedibile che la prima visita in Italia del leader libico Gheddafi scatenasse tensioni ed incidenti. E così è avvenuto.

I primi scontri si sono verificati nel pomeriggio di oggi alla Sapienza dove un gruppo di manifestanti dell'Onda (ne ho contato un centinaio abbondante) ha accolto il leader libico al grido di "assassino". I manifestanti si sono trovati faccia a faccia con i Carabinieri che hanno anche effettuato una carica di allegerimento. Il tutto al passaggio del corteo automobilistico del leader libico.

Dentro l'aula magna del Rettorato Gheddafi ha parlato di terrorismo e dei rapporti tra Italia e Libia ricevendo gli applausi di una parte dei presenti. Una ragazza dell'Onda ha in seguito reso noto che il servizio di sicurezza non gli ha permesso di finire una domanda strappandogli il microfono di mano. Applausi anche dagli studenti libici ed da un gruppo di 50 curdi ma anche dentro l'aula non sono mancati i fischi e la contestazione è continuata. Ora l'appuntamento è al blindatissimo Campidoglio. To be continued...

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: