James Gandolfini stroncato da un infarto a Roma

James Gandolfini è morto oggi a Roma, stroncato da un infarto, mentre si concedeva una vacanza romana, prima di far rotta sulla Sicilia e il 59° Festival di Taormina.

James Gandolfini morto a Roma

Faccia sorniona e sguardo bonario, da picciotto di origini italo amerticane, James Gandolfini, meglio conosciuto come il celebre padrino Tony della serie HBO I Soprano, si stava concedendo una vacanza romana quando è stato stroncato da un infarto.

Il 118 di Roma è stato contattato alle 21 dalla reception dell’Hotel Exedra di piazza della Repubblica, dove l'attore soggiornava, ma l'intervento di due ambulanze e i tentativi di rianimazione, sul posto, durante il viaggio, e al pronto soccorso dell'Umberto I, sono state vane.

La notizia ufficiale della sua scomparsa risale alle 22.40, mentre da ore il mondo intero manifesta il proprio cordoglio per la scomparsa dell'attore amatissimo, e seguito per anni sul piccolo e grande schermo, al quale i nostri colleghi di Tvblog e Cineblog hanno dedicato un omaggio.

La notizia della sua inattesa scomparsa a soli 51 anni, si è diffusa rapidamente attraverso siti specializzati come Variety e Tmz, e l'immancabile universo social, seguita dalla conferma dei suoi agenti Mark Armstrong e Nancy Sanders, e lo sconcerto di parecchi estimatori di questo omaccione bonario con un gran senso dell'umorismo, divenuto famoso con il boss mafioso Toni Soprano, grande, grosso e fragile, che ricorre alle cure di una psicanalista per i frequenti attacchi di panico.

Il corpo dell’attore si trova ora nella camera mortuaria del Policlinico, nel cimitero monumentale del Verano, in attesa dell’autopsia, effettuata 24 ore dopo la morte, una prassi per chi arriva in ospedale già deceduto. Il nostro saluto per James arriva con Tony, al bar (strip-bar), con cibo genuino e ...

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail