I ritratti di signora di Cindy Sherman

CindySherman_Untitled_1

La Gagosian Gallery di via Crispi 16, ospita fino al 19 settembre le nuove lady incarnate e fotografate dal camaleontico talento di Cindy Sherman, in una gallery di straordinarie identità femminili che meritano una visita.

Dalla prima casalinga, studentessa, commessa, auto­stoppista, interpretata dalla Shermann, dopo un trentennio passato ad esplorare se stessa e il concetto d’identità femminile, attraverso immagini fotografiche delle quali è autrice, regista, costumista e perfino modella, la Shermann arriva ad un’immedesimazione totale.

15 ritratti di signora incredibilmente realistici, “Credo siano i personaggi più realistici che abbia mai creato. Mi sono immedesimata completamente in loro. Potrebbero essere me. E’ questa la cosa terrificante, quanto sia stato facile trasformarmi in una di loro”.

Ritratti di signora di Cindy Sherman
CindySherman_Untitled_2 CindySherman_Untitled_3 CindySherman_Untitled_4 CindySherman_Untitled_5

15 nuove performance della signora cinquantacinquenne con un corpo da adolescente, corredate da trucco pesante, pellicce, vestiti di seta, acconciature sofisticate, che riflettono donne borghesi di mezza età, agiate ma soggette ad un declino fisico tradito dallo sguardo artificioso, cinico, cattivo, disilluso e … dallo sconcertante limite tra finzione e realtà.

Una mostra da visitare perché questa incredibile artista, che sarebbe riduttivo definire semplicemente fotografa, non espone a Roma tutti i giorni (l’ultima volta risale al 1989) e perché se Andy Warhol ha accorciato la distanza tra l’immaginario popolare e le figure del potere, la Sherman ci fa vedere che la storia, la celebrità, siamo noi, magari solo per un quarto d’ora.

  • shares
  • Mail