Campus rom. Una mostra fotografica, un progetto di ricerca, un'occasione di incontro e condivisione

AA.VV._Campus Rom_1

L'universo 'Rom' a Roma ha molte facce, sfumature, aspetti, delicati e controversi, ma chiunque sia interessato ad un progetto che affronta il tema dell’emancipazione civile, culturale, economica, sociale e abitativa dei Rom, in un’ottica di superamento della realtà dei campi nomadi in Italia, può dare un’occhiata alla mostra fotografica Campus rom.

Oggetto della mostra sono i punti di vista di Simona Caleo, Giorgio de Finis, Max Intrisano e Massimo Percossi sul progetto di ricerca transdisciplinare "Campus Rom, oltre i campi nomadi", attivato a partire dal 2007 insieme a diverse comunità rom di Roma, da Stalker - Osservatorio Nomade in collaborazione con la ricerca "Nomadismo e Città" del Dipartimento di Studi Urbani dell'Università di Roma Tre.

L’esposizione fotografica, a cura di Michele Carpani e Max Intrisano, è una delle mostre del circuito di FotoGrafia - Festival Internazionale di Roma 2009 ospitata dalla Facoltà di Architettura di Roma Tre ed è accompagnata da diversi e interessanti contributi.

Campus Rom
AA.VV._Campus Rom_2 AA.VV._Campu3 AA.VV._Campus Rom_4 AA.VV._Campus Rom_5

Alla proiezione dei due documentari: Rome to Roma, diaro nomade di Giorgio de Finis e Savorengo Ker e La casa di tutti di Fabrizio Boni, si affianca la presentazione dei cinque numeri della rivista "Roma Time", che raccontano il percorso della ricerca svolta fino ad oggi.

Ospiti della mostra anche due percorsi volti all'auto-rappresentazione e all'auto-promozione dei Rom. Il laboratorio/concorso di fotografia Romané Chavé rivolto ad adolescenti Rom e Sinti, condotto da Fulvio Pellegrini e promosso da Romà Onlus e Casa dei Diritti Sociali. Il progetto gastronomico di economia solidale Romanò Hapé, rivolto a donne Rom e Sinte, condotto da Giulia Fiocca e Paola Marotti e promosso da Romà Onlus e Stalker Osservatorio Nomade.

La mostra inaugurata ieri sera è visitabile fino al 15 giugno, negli spazi dell’Ex Mattatoio di Testaccio, Padiglione 2B. L’entrata principale è su Via Aldo Manuzio, 72, mentre quella secondaria a Piazza Orazio Giustiniani, 4.

I fotografi ...

Simona Caleo: fotografa e giornalista, ha lavorato per il Gruppo Espresso, il Gruppo Epolis. Le sue foto sono state pubblicate dai maggiori quotidiani e magazine italiani. Ha collaborato con Stalker/On e con lo European Roma Right Center.

Giorgio de Finis: antropologo, regista, fotografo. Le sue fotografie sono state esposte alla IX e alla XI Mostra internazionale di Architettura della Biennale di Venezia, al Museo Nazionale della Cina, alla Triennale di Milano, e nell'ambito di FotoGrafia, edizione 2008. Di recente ha pubblicato per le edizioni Postcart il libro fotografico Aut not Out. Ritratti di bambini con autismo.

Max Intrisano: fotografo professionista affianca all'attività di ritrattista la ricerca sullo spazio urbano, ha pubblicato su molti magazine e curato campagne internazionali nel settore musicale, attualmente collabora con varie case editrici, e con Stalker/ON.

Massimo Percossi: fotoreporter, da anni documenta la cronaca della capitale per le maggiori agenzie giornalistiche. Attualmente collabora con l'Ansa.

  • shares
  • Mail
7 commenti Aggiorna
Ordina: