taxi: in arrivo 2750 licenze nuove di zecca


2750 taxi in più sulle strade, 2750 licenze nuove di zecca in vendita da qui al 2009, mille subito, 500 nel 2008 ed 800 nel 2009.

Dopo le tante fumate nere, grigie e comunque sempre abbastanza inquinate e fastidiose da respirare per il cittadino romano mazziato, ma soprattutto dopo le promesse e le minacce di Veltroni agli autisti delle ex auto bianche, finalmente ieri il braccio di ferro tra Comune di Roma e tassisti ha trovati una conclusione. “Roma – ha annunciato il sindaco – entro il 2009 vedrà sulle sue strade 2750 taxi in più”.

La decisione è arrivata al termine di una riunione di giunta convocata dopo l’ultima rottura tra la categoria e l’assessore alla mobilità del Campidoglio Mauro Calamante. Alla base dell’ultimo “niet” dei tassisti lo scontro sul controllo satellitare. Veltroni ed i suoi lo volevano per verificare l’effettiva presenza in strada delle 2500 auto in più ottenute grazie alla nuova turnazione ottenuta con precedenti accordi. I tassisiti replicavano, ed hanno replicato fino a poche ore fa, che non ne volevano sentire parlare perché il satellitare "viola la nostra privacy". E non contenti, almeno alcuni di loro, chiedevano anche aumenti delle tariffe. Come a dire: botte piena e moglie ubriaca.

Ora il braccio di ferro è finito e sembra che abbia vinto Veltroni. I cittadini di sicuro festeggieranno alla grande. Un po’ meno, certamente, lo faranno i tassisti. Il destino di queste ultime due categorie di animali sociali, però, potrebbe presto intrecciarsi di nuovo. Uno dei leader degli autisti, il noto Loreno Bittarelli, leader del consorzio radiotaxi 3570, ha infatti già fatto sapere di pensare ad uno sciopero di protesta. Le conseguenze sono note: in quei giorni la città rischierà di blocarsi. Con buona pace di noi poveri romani…

  • shares
  • Mail
33 commenti Aggiorna
Ordina: