Stupro a Roma - 21enne violentata nel bagno di un locale di Testaccio

L'ultima violenza subita a Roma da una giovane donna, risale alla notte tra sabato 25 e domenica 26 maggio 2013, nei bagni di un club della movida romana.

In una città 'sicura' come Roma, la violenza è in agguato ovunque, nella notte tra sabato e domenica scorsa, anche nei bagni del Lucy Club di via monte Testaccio 53.

Un sabato sera in discoteca finito male, per la giovane italiana 21enne originaria di Albano Laziale, stuprata nel bagno del locale romano, da un 24enne di origini rumene conosciuto durante la serata.

Un coetaneo che, a quanto pare, avrebbe approfittato di lei dopo averla fatta bere e fumare, identificato grazie alla denuncia della vittima, e arrestato dalla polizia.

A chiamare il 113 è stato l'autista del bus preso dalla giovane alla Stazione Termini, che dopo averla trovata in lacrime e stato confusionale, e aver ascoltato il racconto dell'aggressione, ha chiamato gli agenti, mentre alla ragazza trasportata al policlinico Umberto I, veniva accertato l'abuso sessuale, subito sotto l'effetto di alcool e cannabis.

Le prime indagini hanno raccolto le testimonianze di chi ha visto la ragazza condotta nel bagno del locale, dallo stesso aggressore che l'aveva fatta bere, incastrato grazie alle immagini delle telecamere nella stazione Termini, e arrestato con l'accusa di violenza sessuale aggravata, che si sarebbe difeso dichiarando la ragazza consenziente.

Qualsiasi sarà l'esito delle indagini, le notti romane continuano a restare complici di usi e abusi fuori controllo, dall'esito traumatico e i risvolti preoccupanti.

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail