Stadio Olimpico di Roma - 60 anni di spalti per sport, spettacoli e grandi eventi

Nel calendario dei compleanni prestigiosi, oggi Roma festeggia i primi 60 anni dello Stadio Olimpico, o quanto meno dell'impianto sportivo di proprietà del Coni, inaugurato con questo nome il 17 maggio 1953.

Stadio Olimpico Roma, 31 mag 1990

In realtà la costruzione della struttura è iniziata nel 1927 su progetto dell'architetto Enrico Del Debbio, nell'ambito della Città dello Sport chiamata Foro Mussolini eForo Italico rinominata  dopo la guerra. Quello che in origine prendeva il nome di Stadio dei Cipressi, progettato per integrarsi con il paesaggio verde ai piedi della collina di Montemario, nel 1932 ha inaugurato il primo anello con terrazze erbose per tribune, e continuato i lavori nel 1937 con gli ingegneri Frisa e Pintonello.

Lavori interrotti nel 1940 per lo scoppio della guerra, ripresi solo a dicembre del 1950 (su progetto dell'ingegnere Carlo Roccatelli, che alla sua morte nel 1951 passato a Annibale Vitellozzi), ultimati in tre anni estendendo la capienza a circa 100 000 persone in vista dei XVII Giochi olimpici, realizzando idelamente quello Stadio dei Centomila (tre in realtà) progettato dall'architetto Del Debbio e restato sulla carta.

Stadio Olimpico Roma - 50,000 spettatori di plastica per il film olimpico

La nuova struttura inaugura lo spirito 'Olimpico' con una cerimonia solenne alla presenza del Presidente della Repubblica Luigi Einaudi, la banda dei Carabinieri e dell'aeronautica, la bandiera con i cerchi olimpici concessa eccezionalmente dal Comitato Olimpico e 80 mila spettatori, nel primo pomeriggio del 17 maggio del 1953, con la partita di calcio Italia-Ungheria, vinta dai magiari tre a zero; e i ciclisti Fausto Coppi e Gino Bartali a tener alti i colori azzurri all'arrivo della tappa Napoli-Roma del Giro d'Italia.

Stadio Olimpico Roma

Uno stadio per il calcio, casa per la Roma e la Lazio, destinato ad ospitare molto di più, tra un calcio di rigore e l'altro, a partire dall'atletica leggera portata in campo dai Giochi olimpici estivi del 1960, la vittoria di Abebe Bikila, le cerimonie di apertura e di chiusura, con diverse edizioni dei campionati italiani di atletica leggera, dei Mondiali di atletica leggera del 1987, e del meeting del Golden Gala che ospita ancora oggi.

Stadio Olimpico Roma - ABEBE BIKILA

Con il tempo furono eliminati i posti in piedi e la capienza effettiva si estese a 65.000 spettatori, mentre il 18 gennaio del 1981, la gara di campionato Roma-Juventus valida per la stagione calcistica 1980-1981, fece registrare un picco massimo di 79.414 di spettatori paganti.

Stadio Olimpico Roma

La macchina del restyling urbano messa in moto dai Mondiali di calcio di Italia '90, non risparmiò radicali interventi di ristrutturazione all'Olimpico, affidati ad un team di progettisti (Annibale Vitellozzi, l'arch. Maurizio Clerici, l'ing. Paolo Teresi e l'ing. Antonio Michetti), che demolirono e ricostruirono l'impianto in cemento armato.

Con l'occasione avvicinarono le curve al campo di nove metri, dotandole di due maxischermi, costruiti nel 1987 per i Mondiali di atletica; ampliarono la Tribuna Tevere (per stampa e vip) e innalzarono le gratinate, sostituirono i seggiolini di pietra con quelli in plastica azzurra senza schienale, aggiunsero una copertura in tensostruttura bianca progettata dallo studio Zucker, dopo che un ricorso al T.A.R. del Lazio aveva fatto bocciare la copertura prevista in origine, e soprattutto un'ulteriore estensione della capacità in 80000 posti.

Stadio Olimpico Roma - Maradona 08 lug 1990

Ai mondiali non ci salvano neanche Schillaci, Baggio e Maradona (fischiato dai delusi), e la Germania in finale con Argentina strappa la vittoria con il gol di Brehme su calcio di rigore.

Stadio Olimpico Roma

Perfettamente in equilibrio tra sacro e profano, gli spalti vibrano con la tromba di Miles Davis e la chitarra di Pat Metheny nel 1991, l'ugola graffiante di Tina Turner il 7 luglio 1996, e due giorni dopo David Bowie, nel 2000 anche la Tosca di Giacomo Puccini e Papa Giovanni Paolo II con il Giubileo degli sportivi, seguiti da  The Cure, R.E.M.e il Vertigo Tour degli U2 nel 2005, i Rolling Stones il 6 luglio 2007, diversi tour dei Depeche Mode e della popstar Madonna, insieme ai nostri Renato Zero e Vasco Rossi, Claudio Baglioni e Zucchero, Ligabue e Jovanotti, Carmen Consoli e tanti altri, aspettando i prossimi.

Per rendere l'Olimpico conforme alle norme UEFA, e rientrare nella categoria quattro (Elite) degli stadi europei, in vista della finale di Champions League, disputata il 27 maggio 2009, nel 2007 è partito il restyling dell'interno dello stadio.

Ristrutturazione che ha riguardato gli spogliatoi e la sala stampa, la sostituzione completa dei sedili, l'installazione di nuovi maxischermi digitali ad alta definizione, l'arretramento delle panchine, la parziale rimozione delle barriere in plexiglas tra gli spalti e il terreno di gioco, e una riduzione dei posti fino alla capienza attuale di 73261 posti. Lavori di messa a norma accompagnati da quelli per migliorare il confort, con un aumento dei punti di ristoro e il miglioramento dei servizi ingienici.

Stadio Olimpico Roma - 26 mar 1970, Inter Milan centre-forward Pino Boninsegna leaps high over Lazio

Stadio Olimpico Roma

Dopo aver ospitato tanti concenti e sport, i due scudetti della Roma, del 1983 e del 2001, e il Rugby con il Campionato 2013 Sei Nazioni che ha visto i nostri ragazzoni azzurri battere l'Irlanda per la prima volta, non ci resta quindi che festeggiare, aspettando il derby Roma-Lazio, giocato dopo tante polemiche domenica 26 maggio 2013 alle 18, mentre la città torna alle urne per le Elezioni comunali 2013.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail