Metropolitane di Roma - Aggiornamenti sulla realizzazione della linea C, D, B1 e della B tra Rebibbia e Casal Monastero


Delle nuove metropolitane romane se ne è parlato molto in questi giorni. E spesso in maniera errata. Una conferenza stampa ad hoc tenuta oggi dal sindaco Alemanno e dall'assessore ai Trasporti Marchi ci da lo spunto per fare un po' di chiarezza e per fare un aggiornamento sulla realizzazione della linea B1, C e D del metrò romano oltrechè del prolungamento della linea B a Casal Monastero.

Per quanto riguarda la linea C possiamo dire sostanzialmente che non ci sono problemi. Dopo lo stanziamento del Cipe e la presentazione del bilancio comunale 2009-2011 con i fondi comunali si può affermare che la tratta Clodio-Pantano è interamente finanziata con risorse certe. Il tratto Pantano-Lodi aprirà nel 2012, Lodi-San Giovanni nel 2013, San Giovanni-Venezia-Clodio nel 2015. Stesso discorso vale per la linea B1: la tratta Bologna-Conca d'Oro è da tempo finanziata. Nel bilancio comunale sono stati trovati anche i soldi per coprire tutti i costi del trattino Conca d'Oro-Jonio.

La linea D. Data per morta e poi resuscitata da Marchi la quarta linea del metrò romano non vedrà la luce prima del 2016. La volontà dell'amministrazione c'è ma mancano i soldi visto che l'opera era stata finanziata in project financing parziale per il 65% dai privati e per il 35% dal comune. Oggi Marchi ha detto che "Nell’arco del 2009 dovremmo analizzare attentamente il tracciato ed i costi per avere un’opera utile ma compatibile con le finanze sia pubbliche che private". Considerando che Marchi in passato ha anche detto di volere pubblicare la gara entro il 2009 si può dire che quest'anno si perderà in aggiustamenti tecnici per arrivare a gara entro dicembre o nel 2010. I lavori si apriranno così nel 2011 con un anno di ritardo ed il percorso, quasi sicuramente, non andrà oltre il comunque ottimo tracciato fondamentale da Prati Fiscali a Marconi. Seguono considerazioni e notizie sulla linea D, sul prolungamento della B tra Rebibbia e Casal Monastero e una galleria con due grandi immagini dei percorsi delle future metro.

E' una mia opinione, ma con ogni probabilità, vista la carenza di fondi comunali, la linea D sarà realizzata con i soli soldi dei privati che, come alcuni sostengono (vedi l’ex assessore al Bilancio Causi), in cambio del maggior sforzo finanziario vorranno premi in cubature lungo al linea (negozi alle fermate, qualche parcheggio di scambio, magari qualche centro commerciale nei pressi delle fermate capolinea).

Linea B tra Casal Monastero e Rebibia. In questo caso si va verso un appalto con risorse private miste a pubbliche. "Sulla Rebibbia- Casal Monastero ci sono 167 milioni di risorse pubbliche- ha detto Marchi- quindi non abbiamo tolto neanche un euro. Vedremo in questa caso, durante il confronto con i privati, di attivare un progetto di finanza assistito dal capitale pubblico".

Tra le novità annunciate oggi da Marchi c'è anche quella su un futuro collegamento tra Anagnina e Tor Vergata. "Stiamo studiando un progetto molto interessante per legare il polo Anagnina a Tor Vergata, anche in questo caso è un progetto di finanza" sono state le parole dell'assessore.

Da ricordare, in chiusura, un aspetto. La corsa al reperimento delle risorse secondo molti è dovuta ad un atteggiamento differente della giunta Alemanno rispetto a quella Veltroni sulla questione delle linee di credito aperte dalla precedente giunta. Soldi in prestito per realizzare la linea C e D che Alemanno ha considerato debito mentre per Veltroni erano investimenti da restituire in futuro alle banche.
Linea C

I percorsi della linea C e linea D
Linea C
Linea D

  • shares
  • Mail
12 commenti Aggiorna
Ordina: