Elezioni comunali Roma 2013: infuocato botta e risposta Alemanno-Marino su Imu e trasporti

“Il candidato a sindaco del Pd non conosce affatto Roma e non sa assolutamente cosa significhi amministrare.” Non usa mezzi termini il sindaco Alemanno per ribattere alle proposte del candidato sindaco del Pd Ignazio Marino, a cui replica punto per punto, non solo sulla questione Imu ma anche su quella dei trasporti.

La sua promessa più incredibile, dice, “è quella relativa all’abbassamento del prezzo dei biglietti da 1,5 a 1 per i cittadini romani e relativo aumento fino a 5 euro per i non residenti. Ma lo sa Marino che ogni giorno a Roma arrivano oltre 600.000 pendolari?”, attacca: “Cosa accadrebbe al traffico se questi lavoratori decidessero di raggiungere Roma in auto?”.

L'altra proposta di Marino riguarda la Roma-Lido, che lo sfidante ha promesso di dotare entro sei mesi dall'elezione di “treni climatizzati”. “Mi chiedo se Marino sa che solo per indire una gara per comprare nuovi treni c’è bisogno di almeno sei mesi”, si chiede.

E secondo il sindaco, Marino non sa neanche che “Roma ha già pianificato l’installazione di 3.560 parcheggi per bici”, quando affronta la questione. Si attende la replica di Marino, naturalmente. Nel frattempo il sindaco rassicura i romani sulle sue, di promesse, in particolare quelle sull'Imu.

Indipendentemente da quello che deciderà il Governo, ha rassicurato infatti il primo cittadino questo pomeriggio, “la nostra Amministrazione, a prescindere da come andranno le cose a livello nazionale, ha gia' trovato le risorse per azzerare questa tassa per 376 mila famiglie romane, pari al 36 per cento delle prime case”.

Ieri in un confronto tv infuocato, Marino aveva detto di non concordare con «la soluzione di Alemanno. Noi dobbiamo adeguare l’Imu alla ricchezza reale delle persone».

  • shares
  • Mail