Porte aperte a Palazzo Koch nel fine settimana

Il Palazzo della Banca D'Italia (images by  Repubblica)

In questo weekend per la prima volta nella sua storia Palazzo Koch verrà aperto al pubblico. Lo storico edificio di Via Nazionale, sede centrale della Banca D’Italia, potrà essere ammirato in tutto il suo splendore.

Costruito a fine ‘800 e progettato da Gaetano Koch, famoso all’epoca per il suo rigore geometrico, questo enorme palazzo si sviluppa su 5 piani, di cui due sottoterra illuminati grazie a una profonda intercapedine, che sovrastano due grandi cortili. La facciata principale è interamente realizzata in travertino di Tivoli, mentre le altre sono in stucco.

Intorno alla struttura, molte palme e una robusta cancellata in ferro. A proposito di cancellata, vale la pena citare un aneddoto. Quella attuale non è l’originale recinzione che circondava Palazzo Koch.

Il Palazzo della Banca D\'Italia (images by Repubblica)
Il Palazzo della Banca D'Italia (images by  Repubblica)
Il Palazzo della Banca D'Italia (images by  Repubblica)
Il Palazzo della Banca D'Italia (images by  Repubblica)

Si narra infatti che Benito Mussolini che ogni giorno passava per Via Nazionale per recarsi a Piazza Venezia chiese la rimozione della cancellata per destinare il ferro alla produzione delle armi.

L’allora governatore della Banca D’Italia Azzolini temporeggiò a lungo, ma dovette cedere quando il Duce ordinò lo smantellamento dei cancelli “in un’ora”.

Così, grazie a quella recinzione di "puro ferro omogeneo svedese" furono costruiti involucri di bombe da un quintale.

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: