La settimana dei Municipi. Nel 2013 si aprono 9 voragini al mese, i quartieri più colpiti

Roma città aperta. Nel senso, modernissimo, di buche, voragini e terreni dissestati. Così arriva l'ennesima serie di dati, di cui vi diamo conto, sul fenomeno. Che sembra addirittura in peggioramento, in questo 2013 che – pur iniziato da pochi mesi - in questo senso può già dirsi davvero “nero”.

Roma città aperta. Nel senso, modernissimo, di buche, voragini e terreni dissestati. Così arriva l'ennesima serie di dati, di cui vi diamo conto, sul fenomeno. Che sembra addirittura in peggioramento, in questo 2013 che – pur iniziato da poco - in questo senso può già dirsi davvero “nero”.

Secondo le segnalazioni del sito www.voragini.it, solo nel 2012 si sono aperte 72 voragini, in aumento quindi rispetto alle 44 del 2011. Per quanto riguarda il 2013 la cosa va addirittura a peggiorare, visto che ormai abbiamo raggiunto il picco della media mensile: 9,5, quasi dieci quindi, ogni 30 giorni.

Un dato che si ricava dal fatto che finora sono state registrate ben 38 voragini in soli 4 mesi (compresi 6 dissesti), leggo: le zone più colpite in questi primi mesi dell’anno sono state, riporta il servizio “Le strade di Roma tra buche e voragini” di Spazioconsumatori tv, la zona più interessata dal fenomeno sarebbe quella di san Lorenzo, Municipio III, e Monte Mario, Municipio XIX. Ma anche, a sorpresa, il Centro storico, Municipio I, e il Pigneto, Municipio VI.

Ma davvero ce n'è per tutti. In questo senso il servizio ricorda la oramai famosa via San Giosafat, in zona Aventino, sempre Municipio I, che è chiusa dall’87, per non parlare del cratere che si è aperto a dicembre in via dei Coronari o di una delle ultime in ordine di tempo, quella di via Forlì (Municipio III).

Oppure ricordiamo via Giannetto Valli, nel quartiere Portuense Municipio XV, dove a metà marzo si è aperta una buca anche in via di Vigna Pia, nei pressi della scuola elementare.

Oppure Via Augusto Dulceri (zona Pigneto) appunto Municipio VI: “la strada è chiusa dal 10 settembre 2012. Quella notte due automobili in sosta sprofondarono nella voragine. I lavori di rifacimento sono cominciati a gennaio, ora dovrebbero essere terminati, ma in realtà sembra si siano arenati”.

Naturalmente chi percorre tutti i giorni via Anastasio II ricorda la voragine che si aprì un anno fa con gravi disagi, così come gli inconvenienti della vicina Leone XIII, presso villa Pamphili (Municipio XVI).

Una amara Amarcord, scusate l'assonanza, sempre in progress purtroppo.

Foto | Getty

  • shares
  • Mail