Medici in piazza contro la segnalazioni degli irregolari

Centocinquanta fra rappresentanti di Medici senza frontiere, la Società italiana per le migrazioni, l'associazione studi giuridici sull'immigrazione e l'osservatorio italiano per la salute globale, si sono dati appuntamento in piazza san Marco per ribadire il loro "no" alla segnalazione degli immigrati senza permesso di soggiorno che ricevono cure sanitarie. Lo scopo era di lanciare un appello ai parlamentari affinchè cancellino il principio di "segnalazione alle autorità" degli stranieri privi di permesso di soggiorno che chiedono assistenza sanitaria. Alla manifestazione hanno aderito anche la Federazione italiana degli ordini dei medici chirurghi e odontoiatri, l'Associazione dei medici stranieri, l'Istituto nazionale per la medicina delle migrazioni e lotta alla povertà e l'ordine degli psicologi del Lazio.

"Il rischio - ha detto uno dei manifestanti - è che si crei una marginalizzazione sanitaria con serie ripercussioni sulla salute collettiva. Ritardi sugli interventi di prevenzione e cura e irreperibilità dei destinatari possono originare, infatti, focolai d'infezione di malattie trasmissibili".

Foto | Repubblica.it

  • shares
  • Mail
22 commenti Aggiorna
Ordina: