Via Laurentina, il clochard che specifica la nazionalità

Un caso emblematico della situazione romana. Un clochard della Capitale ha deciso di rendere nota la sua nazionalità perché tutti pensano che sia rumeno - che equivale ad allontanare ogni pensiero di elemosina. Così, sul cartello di questo senzatetto che si muove per via Laurentina, appare la scritta 'bulgaro'. E' lui stesso a raccontare il perché: "Se mi scambiano per rumeno nessuno mi fa l'elemosina; così sanno subito che con i rumeni non ho nulla a che fare".

Sul suo cartello plastificato, ben stampata nero su bianco, e indossato appeso al collo, c'è indicata solo la provenienza e niente altro. "Per noi che veniamo da quelle zone adesso in Italia e soprattutto qui a Roma è tutto più difficile. Pensano che siamo tutti della Romania, che siamo tutti delinquenti, e ci trattano di conseguenza. Ci chiamano stupratori, ci dicono di tornare a casa. Ma tanti di noi sono qui per cercare un lavoro onesto e, se non lo trovano subito, chiedono l'elemosina, come faccio io. Non ho nulla contro i rumeni ma devo sopravvivere".

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: